Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

"Io compro vero", il Comune di Chieti combatte la contraffazione

Presentato il progetto finanziato dal ministero dello Sviluppo economico con 33 mila euro. Mira ad informare, prevenire e combattere il fenomeno della contraffazione, che nasconde lavoro nero, evasione e sfruttamento minorile

Si chiama “Io compro vero” il progetto dell’Anci sostenuto dal ministero dello Sviluppo economico e appoggiato dal Comune di Chieti per combattere la lotta alla contraffazione. L’obiettivo è quello di contenere il fenomeno con azioni di sensibilizzazione che inculchino il rispetto della legalità.

Il progetto è stato presentato in una conferenza stampa dall’assessore alle Attività Produttive, Antonio viola. Il Comune ha ottenuto dal ministero dello Sviluppo Economico finanziamenti per 33 mila euro e inizierà dalla formazione degli studenti delle scuole. 

“Io compro vero” mira a raggiungere tre risultati: l’educazione alla legalità, il contrasto e la prevenzione della contraffazione.

In primo luogo si prefigge di far conoscere ai cittadini le sanzioni previste dalla legge per chi compra marchi contraffatti. Dietro un falso risparmio si celano lavoro nero, sfruttamento di manodopera minorile ed evasione fiscale. 

Si calcola che in Italia la contraffazione causi la perdita di 110 mila posti di lavoro. Per questo in città saranno intensificati i controlli nei mercati, nei negozi e nei centri commerciali. Per questo saranno stipulati protocolli d’intesa con le forze dell’ordine, in particolare guardia di finanza e polizia municipale. 

Il Comune organizzerà una campagna di informazione sulle problematiche che sorgono dalla contraffazione. “Questa amministrazione – commenta D’Agostino - tiene in particolar modo al rispetto rigoroso delle norme europee riguardanti la tracciabilità dei prodotti in commercio che dettano disposizioni molto precise in merito”.


“Dal punto di vista operativo – spiega la comandante della polizia municipale, Donatella Di Giovanni -  sarà posta in essere un'intensa campagna di sensibilizzazione che coinvolgerà le scuole cittadine alle quali sarà rivolto un concorso di idee con successiva mostra degli elaborati. Sarà, inoltre, istituito un tavolo di coordinamento aperto agli attori pubblici e privati presenti sul territorio finalizzato a creare un rafforzamento, anche mediante la sottoscrizione di un protocollo d’intesa, finalizzato ad incentivare le collaborazioni di contrasto al fenomeno. Verrà realizzato anche del materiale informativo come brochure e manifesti multilingue mentre sul sito istituzionale del Comune sarà creata un’apposita area destinata alla lotta alla contraffazione contenente materiale informativo, una sezione riservata ai consumatori e l’attivazione di una e-mail e di un numero verde dedicato per la richiesta di informazioni nonché la segnalazione di eventuali illeciti”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Io compro vero", il Comune di Chieti combatte la contraffazione

ChietiToday è in caricamento