menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si è insediata la nuova commissione Pari opportunità, tutta al femminile

Nella prima seduta, che si è tenuta ieri, sono state elette la presidente, Maria Laura Di Loreto, e la vice, Barbara Di Roberto.

Si è insediata ieri (lunedì 20 marzo) la Commissione Pari opportunità del Comune di Chieti, nominata formalmente dal consiglio comunale nella seduta del 3 marzo. Nella prima seduta sono state elette la presidente, Maria Laura Di Loreto, e la vice, Barbara Di Roberto. 

Nella commissione, che è un istituto di partecipazione a carattere consultivo, siedono Rita Montini, Maria Chiara Boccasini, Francesca De Vincentiis, Silvia D’Alberto, Maria Di Fulvio, Maria Luce Latini, Raffaella Nardi, Mimma Paldinola, Valentina Bevilacqua, Concetta de Sanctis, Paola Santilli, Maria Antonietta Scarcella e Maria Rosaria Odorisio.

Sono, inoltre, componenti di diritto della commissione: l’assessore alle Pari Opportunità, Emilia De Matteo, le consigliere comunali Maura Micomonaco, Stefania Donatelli, Nicoletta Di Biase, Elisabetta Fusilli, Manuela D’Arcangelo, Chiara Zappalorto, Teresa Giammarino, Clara Ricciardi e la consigliera di parità nominata dal ministero del Lavoro presso la Provincia di Chieti, Annarita Guarracino.

"La Commissione per le Pari Opportunità è un strumento voluto dall’amministrazione comunale del sindaco Di Primio fin dal 2013 – spiegano il presidente del consiglio comunale Liberato Aceto e l’assessore alle Pari Opportunità Emilia De Matteo - per dare impulso alle politiche di genere. Il lavoro della suddetta Commissione sarà importante al fine di contribuire all’effettiva attuazione dei principi di uguaglianza e di parità tra i cittadini, attraverso proposte, progetti e azioni positive. Grandi passi avanti sono stati compiuti nel nostro Paese in questi anni ed il nostro ulteriore auspicio è che l’esperienza di donne rappresentanti della società civile possa aiutare il confronto e il dialogo costante su tali tematiche in maniera competente e condivisa. L’attività della commissione – proseguono - è, infatti, orientata a mettere in atto tutte quelle iniziative che possano contribuire alla rimozione di comportamenti discriminatori e alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica, in particolare delle giovani generazioni, sulla parità di genere, a proporre interventi che possano rimuovere gli ostacoli di ordine economico, sociale, culturale ed istituzionale che costituiscono discriminazione diretta o indiretta nei confronti delle donne ma anche di tutti i cittadini". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento