menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Guardia Costiera sequestra oltre 120 chili di vongole destinate al mercato in nero

Il controllo è stato effettuato con l’ausilio dell’impianto di videosorveglianza installato nella sala operativa della Capitaneria di Porto

Nella mattinata di oggi la Capitaneria di Porto di Ortona ha sequestrato oltre 120 chili di vongole destinate all’immissione sul mercato illecito del pesce.

Il controllo è stato effettuato con l’ausilio dell’impianto di videosorveglianza installato nella sala operativa della Capitaneria, e rientra nell’ambito delle operazioni che vengono svolte , quotidianamente a tutela delle specie ittiche e della salute dei consumatori. I militari della Guardia Costiera hanno notato sui monitor portuali alcuni movimenti sospetti sotto bordo ad alcune imbarcazioni rientrate nella prima mattinata dalla battuta di pesca. A poca distanza, mentre si dirigeva verso l’uscita del porto, hanno intercettato un’autovettura privata carica di sacchi di vongole, senza alcun documento di tracciabilità o etichettatura.

 I controlli hanno portato anche a sanzionare i tre marittimi coinvolti, con verbali per complessivi 5.000 euro. Le vongole sequestrate, ancora vive, sono state rigettate in mare.

"La pesca delle vongole - ricordano dalla Capitaneria di Porto -  viene gestita da un apposito consorzio, cui aderiscono tutte le aziende presenti nel porto di Ortona; la commercializzazione dei quantitativi pescati, avviene tramite alcuni grossi centri di spedizione che ne curano la raccolta in banchina, a mezzo furgoni autorizzati (idonei dal punto di vista igienico sanitario),  la messa in commercio oltre che, quando necessario, il trattamento di stabulazione.

Trasportare le vongole su veicoli privati, senza alcun documento che ne garantisca la tracciabilità e la provenienza, vuol dire alterarne l’intero mercato, con danni sia ai pescatori onesti, che si vedono aggirati da concorrenti sleali, sia, anche, ai consumatori finali, che non hanno più quelle garanzie di bontà e freschezza del prodotto che il rispetto delle norme igienico sanitarie, e la possibilità di conoscerne provenienza e data di prelievo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento