rotate-mobile
Cronaca Centro

Studenti marciano per la legalità: "L'omertà è concime di mafia"

Diciotto scuole e quasi duemila studenti hanno partecipato alla Giornata della Memoria e dell'Impegno lunedì 21 marzo

In quasi duemila a Chieti sfilano contro le mafie nella Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Diciotto scuole, capofila il liceo “Gonzaga”, si sono date appuntamento lunedì mattina per partecipare all’iniziativa promossa da Percorsi di legalità, in collaborazione con l’associazione Libera e con la Prefettura. Studenti e docenti sono partiti dalla villa comunale con striscioni e cappellini. Hanno marciato fino in piazza Valignani ricordando le oltre 900 vittime delle mafie. 

Poi momento di riflessione, presenti anche il prefetto Antonio Corona e il vicesindaco Giuseppe Giampietro. 

“Non ci dobbiamo fermare di fronte a questo – il messaggio degli studenti -  non dobbiamo avere paura di parlare, di denunciare. Il silenzio è sinonimo di mafia, il silenzio stesso è un atteggiamento mafioso, l’omertà è il concime di mafia… Noi restiamo qui perché le nostre armi sono le idee, gli ideali di giustizia che continuano a vivere nelle persone”. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti marciano per la legalità: "L'omertà è concime di mafia"

ChietiToday è in caricamento