Ruba alcolici in costume da bagno femminile: arrestato all'Ipercoop

Il furto è avvenuto ieri pomeriggio con la collaborazione di due complici. Tempestivo l'intervento dei Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile

Deve essere stata grande la sorpresa dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile, ieri pomeriggio, all’uscita del supermercato Ipercoop di San Giovanni Teatino, a seguito di una perquisizione. 

Un costume da bagno intero da donna, indossato sotto i vestiti da un uomo, utilizzato come “cartucciera” per nascondere nove bottiglie di ruhm e whisky, rubate poco prima all’interno del supermercato con l’aiuto di due complici.

Provenienti dalla provincia di Roma, il 30enne Terpeziteanu Antoni Gabriel, il 19enne Ciobotaru  Adrian Ionut e il 20enne Gulianu Adrian, su disposizione del dott. Giuseppe Falasca, sostituto procuratore della repubblica presso il tribunale di Chieti,  sono stati posti in stato di arresto in attesa di giudizio direttissimo. 

L’allarme era stato lanciato dalla vigilanza che aveva chiamato le forze dell’ordine. I carabinieri hanno seguito un ragazzo tramite le telecamere di videosorveglianza, mentre spacchettava delle costose bottiglie di alcolici,  dopo aver rimosso il dispositivo antitaccheggio e scatola, le riponeva con cura in uno scaffale in basso, e poi con nonchalance usciva dal supermercato per entrare in macchina con un complice.

Poco dopo, allo stesso scaffale, si é avvicinato un terzo complice che ha preso le bottiglie spacchettate, le ha infilate, apparentemente nel giubbotto, e si é avviato verso la cassa automatica; qui ha pagato alcuni oggetti del valore di pochi euro e  ha cercato di allontanarsi verso l’uscita senza farsi notare.  I Carabinieri, però, lo hanno fermato in prossimità dell’uscita ed hanno rinvenuto la refurtiva all’interno del costume da donna. 

Nel frattempo, altri militari hanno fermato i due complici in macchina e qui hanno rinvenuto un borsone contenente diversi dispositivi elettronici, un drone nonché una tronchesina e un apparecchio utilizzato per rimuovere i dispositivi antitaccheggio. Se avessero portato a segno il colpo, avrebbero guadagnato circa 2.500 euro dalla vendita della refurtiva. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo si accascia nei pressi di Ikea: vigilante gli salva la vita dopo il massaggio cardiaco

  • Coronavirus: quattro nuovi casi oggi in Abruzzo e tre riguardano la provincia di Chieti

  • Tragico schianto in galleria durante le vacanze: morto un ragazzo di Tollo

  • Beve una bibita e inizia a vomitare sangue: 15enne soccorso elicottero sul monte Amaro

  • FOTO-Ordigni bellici in mare a Fossacesia, balneazione vietata

  • Tragico schianto fra due auto sulla Statale 16: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento