Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Francavilla al Mare

Francavilla al Mare, i Ciclisti Anonimi contro il Comune: “Si investe solo sui parcheggi auto”.

Il gruppo di ciclisti chiede maggiore attenzione alle due ruote da parte dell’amministrazione comunale

Dirottare risorse sulla ciclabilità  e non solo sui parcheggi auto. Questo in sostanza è quanto chiede il gruppo dei “Ciclisti Anonimi di Pescara” al comune di Francavilla. Un'istannza che si è fatta ancora più forte negli ultimi giorni.

Un altro spazio di Francavilla al mare a breve verrà adibito a parcheggio, l'ex minigolf antistante via Vella.  Si dedicano ulteriori spazi alle auto, quando un reale problema di parcheggio non vi è  tranne che in qualche ora di luglio ed agosto. Questo comporterà una spesa di 40.000 euro per la collettività per qualche decina di posti auto.

L'ulteriore messa a disposizione di suolo e risorse cittadine ad uso parcheggio auto, spinge noi Ciclisti Anonimi Pescaresi a rivendicare che quelle risorse siano investite invece nuovi stalli bici e spazi per la ciclabilità sull'intera territorio comunale. Facciamo infatti presente che a Francavilla posti bici messi a disposizione per i ciclisti urbani sono assolutamente inadeguati, se non addirittura assenti. Si è costretti a parcheggiare le bici in luoghi inopportuni al parcheggio  e si viene anche tacciati di maleducazione.  

Il gruppo dei ciclisti già da qualche anno chiede maggiore attenzione alle due ruote.

Facciamo presente inoltre che già nel dicembre del 2017 vi era stata una mozione su un piano riguardante gli stalli per le biciclette, bocciata dal consiglio comunale in quanto il Comune a risposta della mozione aveva già il proprio progetto di ciclabilità. 

A questo seguì un incontro con l'assessore Marinelli per discutere del problema stalli e comprendere se vi era una volontà di mettere nero su bianco un Biciplan per la città. Dall'incontro sembrava evidente la volontà dell'amministrazione di affrontare questa opportunità.  Ma quelle parole non hanno dato seguito i fatti.

Le richieste da parte dei Ciclisti Anonimi, però, non sono state prese in considerazione.

Ad oggi inizia un'altra stagione estiva senza rastrelliere per biciclette e senza che la seconda amministrazione Luciani abbia mai affrontato con impegno il tema ciclabilità.  

Si può notare che le biciclette sono in notevole aumento in città, ma un biciplan per la mobilità sostenibile non è stato mai preso in considerazione, al contrario di quello che avviene per la mobilità inefficiente e motorizzata.

Parcheggi auto battono stalli biciclette 40.000 a zero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Francavilla al Mare, i Ciclisti Anonimi contro il Comune: “Si investe solo sui parcheggi auto”.

ChietiToday è in caricamento