rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Le foto osé della ex finiscono nel fascicolo della causa di separazione: denunciato per "revenge porn"

L'uomo pensava di poter così dimostrare che la donna teneva la casa in disordine, come si vedeva nello sfondo degli scatti privati

Ha depositato in tribunale, come prova, foto osé della ex moglie, inviategli su sua precisa richiesta. Negli scatti senza veli e in pose sessualmente esplicite, si vedeva come sfondo la casa coniugale in disordine. E il marito pensava, così, di riuscire a dimostrare nel corso della casa di separazione, che la donna non si dedicasse in maniera opportuna ai doveri familiari. Ma la diffusione degli scatti privati è finita con una denuncia per il nuovo articolo numero 612 ter del codice penale. 

La vicenda, diffusa dai carabinieri della comapgnia di Chieti che hanno raccolto la denuncia, riguarda una coppia teatina, che da tempo non andava d'accordo. I due, genitori di due bambini, da tempo si trascinavano tra litigi e ripicche, così hanno deciso di separarsi, dando il via a un procedimento civile. 

Moglie e marito non riescono a trovare un accordo per la separazione consensuale, così si danno battaglia in udienza, lanciandosi reciproche accuse per addebitarsi a vicenda la responsabilità della fine del matrimonio. 

Lui, in particolare, accusa la ex di non essersi dedicata alla casa, di aver lasciato sempre l'abitazione in disordine, facendo leva sui doveri del matrimonio previsti dall'articolo 143 del codice civile, secondo cui

Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia.

Ed è a quel punto che pensa di mettere in atto la mossa che può procurargli un vantaggio nella causa di separazione. Deposita in tribunale un cd con diverse fotografie inequivocabili. Quando l'avvocato della signora ha visionato gli atti depositati dalla controparte, non immaginava di potersi trovare davanti materiale tanto privato. Subito ha informato la sua cliente, che ha deciso di sporgere denuncia ai carabinieri. 

La nuova legge, infatti, vieta qualsiasi diffusione di immagini sessualmente esplicite senza il consenso dell’interessato, il cosiddetto “revenge porn”. L'ex marito è stato denunciato alla procura di Chieti, a cui ora spetta decidere se ci sia stato il reato in questione. La ex moglie, intanto, ha chiesto la cancellazione dei file dal fascicolo della causa di separazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le foto osé della ex finiscono nel fascicolo della causa di separazione: denunciato per "revenge porn"

ChietiToday è in caricamento