Cronaca

A Fossacesia un altro stabilimento in costruzione a poca distanza dall'acqua: nuovo esposto

A presentarlo sono ancora le associazioni del Coordinamento Tu ViVa. Nelle scorse settimane un altro stabilimento è stato sequestrato

Un secondo stabilimento balneare  in costruzione lungo la costa di Fossacesia e anche questa volta le associazioni del coordinamento Tu ViVa hanno presentato un esposto contro l’ennesima colata di cemento a poca distanza dall'acqua.

Sono già 5 gli esposti di altrettante associazioni facenti parte del coordinamento per la Tutela delle Vie Verdi d'Abruzzo depositati in queste ore alla Procura di Lanciano, al gruppo aeronavale della Guardia di Finanza, al Comune di Fossacesia, alla Regione Abruzzo e alla Soprintendenza per chiedere verifiche sul cantiere di un nuovo stabilimento.

“Dopo le polemiche e il sequestro di uno stabilimento più a sud, in questo caso si tratta del rifacimento di uno stabilimento già esistente nei pressi di Fossacesia marina” spiegano le associazioni chiedendo di verificare se i materiali utilizzati, in particolare quelli costituiti da cemento, “non siano in contrasto con le norme del Piano del demanio marittimo regionale che prescrive l'utilizzo di materiali eco-compatibili sull'arenile nonché con l'articolo 21 del Piano del demanio comunale che impone l'utilizzo di legno, acciaio o vetro”.

Quanto al problema dell’erosione, che in questa zona sembra aver comportato una riduzione della profondità della spiaggia,le associazioni chiedono anche una verifica sulla superficie dello stabilimento realmente autorizzabile e di valutare tutte le distanze, compresa quella dal bagnasciuga. 

“È paradossale -  concludono dal coordinamento TuViVa - che da un lato si continui a permettere di costruire a poca distanza dal bagnasciuga e dall'altro, come accaduto qualche giorno fa, il sindaco reclami costosi interventi contro l'erosione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Fossacesia un altro stabilimento in costruzione a poca distanza dall'acqua: nuovo esposto

ChietiToday è in caricamento