rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca Lanciano

I figli si ustionarono mentre erano soli in casa: a processo la madre

Un bambino e una ragazza rimasero feriti accidentalmente da una fiammata in cucina, la donna è stata rinviata a giudizio per abbandono di minori

Si era assentata da casa per pochi minuti, per buttare l'immondizia, quando due dei suoi quattro figli si ustionarono accidentalmente vicino al fornello della cucina. Adesso la madre dei ragazzi, una 43enne straniera residente a Lanciano, è stata rinviata a giudizio per abbandono dei minori.

Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Lanciano ha fissato la prima udienza al 23 gennaio prossimo. I fatti risalgono al giugno 2020 quando la donna era da sola in casa con i figli minorenni (da 3 a 14 anni), mentre il marito era a lavoro. Verso l'ora di pranzo era scesa sotto casa per buttare nella spazzatura i pannolini sporchi dei bambini.

Un'assenza durata solo pochi minuti, durante i quali però il piccolo di 3 anni, giocando con una bottiglietta di alcol usata come disinfettante, accidentalmente aveva spruzzato il contenuto sul fornello acceso per i preparativi del pranzo. Il ritorno di fiamma aveva investito il piccolo e, per salvare il fratellino, si era ustionata anche la sorella di 16 anni. 

Per Procura e Gup la donna va processata per abbandono di minori. "Abbiamo contestato l'accusa di abbandono di minori", spiega il difensore della donna, l'avvocato Sandro Mammarella, "la mamma si è assentata solo per pochi minuti, ha chiuso il cancelletto della cucina e si è raccomandata alla figlia maggiore di guardare i fratelli. Ha preso le dovute cautele. Purtroppo non è stato mai accertato come il bambino sia riuscito a impossessarsi della bottiglia d'alcol, che non era nella sua disponibilità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I figli si ustionarono mentre erano soli in casa: a processo la madre

ChietiToday è in caricamento