Cronaca Centro / Via Vernia Nicoletto

Fasci littori allo Scientifico, Riccardo (Idv): "Ma quale valore storico?"

La riproposizione dei simboli fascisti, giustificata dall'assessorato provinciale all'edilizia scolastica come "memoria storica", ha sconvolto docenti e studenti dell' istituto, ignari di tali lavori

Al Liceo Scientifico "Masci", su una lapide commemorativa della Prima guerra mondiale, sono stati ripristinati due fasci littori.

La riproposizione dei simboli fascisti, autorizzata dall'assessorato provinciale all'edilizia scolastica che l'ha giustificata come "memoria storica", ha sconvolto gran parte di docenti e studenti del prestigioso istituto, ignari di tali lavori.

Dopo aver scritto ai vertici della Provincia e al dirigente scolastico Giovanna Fucci, il vicepresidente del consiglio comunale Alessandro Marzoli ha promesso "ulteriori provvedimenti", mentre il coordinatore giovani dell'Idv, Giampiero Riccardo, sposta l'attenzione sull'eventuale utilizzo di fondi pubblici per un'azione che avrebbe solo offeso la maggior parte delle persone.

"La faccenda diventerebbe ancor più grave se emergesse che per il restauro dei fasci littori siano stati utilizzati fondi pubblici - dice Riccardo -  i quali dovrebbero essere adoperati per soddisfare bisogni più concreti e urgenti all'interno della comunità scolastica. Il loro riposizionamento inoltre, non è giustificabile dietro la motivazione del valore storico degli stessi come ha detto l'assessore provinciale all’edilizia scolastica Donatello Di Prinzio. L'avvenuta distruzione invece rappresentava di per sé un valore storico: una tangibile testimonianza della Resistenza e della vittoria della democrazia sulla dittatura fascista. Se proprio l'assessore Di Prinzio sente il bisogno di manifestare la sua fede e sopire la nostalgia per il Ventennio, gli suggerisco una donazione a favore del museo storico di Predappio, dove i fasci littori del Liceo Masci sarebbero senz'altro più apprezzati".

A prescindere dalla paternità dell'iniziativa e dalla natura del finanziamento, il riposizionamento dei fasci littori al "Masci" ha urtato la sensibilità di gran parte degli studenti e del corpo docente, per il godimento di pochi singoli. "Imporre una simile opera - sentenzia Riccardo - senza una preventiva azione di condivisione e dibattito la dice lunga sul quoziente di filantropia che alberga in alcuni presunti 'Amici del Masci' e in chiunque altro abbia autorizzato i lavori, non ultimo l’allora Preside Piervincenzo De Lucia".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fasci littori allo Scientifico, Riccardo (Idv): "Ma quale valore storico?"

ChietiToday è in caricamento