menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Falsa associazione di poliziotti chiedeva soldi in cambio abbonamenti: sequestrate 273 riviste

Due persone residenti a Vasto sono state denunciate e la polizia ha sequestrato 273 riviste. L’introito dell’attività illecita è stato stimato in circa 14 mila euro

La Squadra Mobile della Questura dell'Aquila ha sequestrato 273 riviste nella sede di un’azienda di Vasto, che proponeva in vendita giornali di una sedicente Associazione Poliziotti Italiani. Un uomo e una donna di 40 anni, entrambi domiciliati a Vasto ma di origini pugliesi, sono stati denunciati per il reato di truffa e sostituzione di persona.

Le indagini sono state scattate dopo la denuncia del rappresentante di un istituto religioso di Tagliacozzo (L’Aquila) che ha raccontato alla Polizia le insistenti telefonate da parte di una donna, qualificatasi funzionaria della Polizia di Stato. Quest’ultima richiedeva un contributo di 90 euro in favore dell’Associazione Poliziotti Italiani, previo invio di un adesivo e di una rivista della predetta Associazione.

L’introito dell’attività illecita è stato stimato in circa 14.000 euro, per un invio di circa 150 copie al mese su tutto il territorio nazionale, ma non si esclude che possa essere maggiore, come la platea delle vittime.

Nel corso della perquisizione dell'appartamento utilizzato per stoccare le riviste sono stati trovati sei pacchi pronti per essere spediti ad istituti religiosi e scuole dell'intero territorio nazionale (Alessandria, Benevento, Cosenza, Perugia, Padova e Viterbo).
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento