menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elettrodotto, parte la petizione. E si pensa a una cassa di solidarietà

I Comitati stanno organizzando un evento per raccogliere fondi al fine di creare una cassa di solidarietà. Intanto, mentre è partita una petizione, tutti i cantieri sono stati sospesi

I Comitati No Elettrodotto Villanova-Gissi stanno organizzando un evento per raccogliere fondi al fine di creare una cassa di solidarietà, che verrà utilizzata per dare sostegno alle persone che eventualmente potrebbero incorrere in denunce per il blocco degli espropri.

La manifestazione dovrebbe tenersi a fine mese a Lanciano, e in attesa di stabilire con precisione luogo e giorno (si parla del 28 dicembre) si cercherà anche di capire se il Comune, che ha sempre espresso la propria contrarietà all’elettrodotto Terna, offrirà il patrocinio all’iniziativa.

Intanto da oggi è possibile firmare presso la sede del Comune di Paglieta per richiedere al Ministero dello Sviluppo Economico e a quello della Tutela dell'Ambiente e del Mare l'annullamento in autotutela dell'autorizzazione alla costruzione dell'elettrodotto Villanova-Gissi.

Anche a Lanciano e Atessa è partita una petizione ad hoc. Nel frattempo tutti i cantieri inerenti la costruzione dell'impianto sono stati momentaneamente sospesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento