menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crac Villa Pini, consulente curatela: "Ci fu un drenaggio di risorse"

Oggi al tribunale di Chieti ha testimoniato Luigi Labonia, raccontando che le risorse finanziarie delle cliniche, nei 4 anni precedenti al fallimento, avvenuto nel 2010, i coniugi Angelini prelevarono 3 milioni per spese personali e altri 27 di ignota destinazione. Prossima udienza il 27 marzo

Su richiesta della difesa di Vincenzo Angelini presentata nelle scorse udienze, oggi nel processo in corso davanti al Tribunale di Chieti per la bancarotta fraudolenta del gruppo di Villa Pini è tornato in aula a deporre come testimone Luigi Labonia, il consulente della curatela fallimentare del gruppo Villa Pini che ebbe l'incarico di ricostruire i movimenti finanziari fra le società che facevano capo ad Angelini.

Rispondendo ad una domanda dell’avvocato Gianluigi Tucci, difensore di Angelini, su quali fossero state le cause del dissesto del gruppo, Labonia ha detto che negli ultimi anni, in sostanza nei quattro anni che precedettero il fallimento, dichiarato nel 2010, ci fu un drenaggio di risorse finanziarie dalle cliniche a favore dei coniugi Angelini. Un movimento di 30 milioni di euro, ricostruito attraverso gli assegni e seguendo le tracce dei prelievi. "Tre milioni furono per spese personali - ha detto Labonia - mentre di 27 milioni c'è a prova del prelievo ma non della destinazione". In particolare fra le spese personali sono emersi acquisti in tabacchi, abiti e gioielli e altri beni. Secondo l'accusa quelle ricostruite sono vere e proprie distrazioni di fondi dalle finalità aziendali.

La prossima udienza è in programma per il 27 marzo, quando tornerà in aula, sempre su richiesta della difesa, il curatore fallimentare Giuseppina Ivone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento