Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Corriere della droga a Francavilla, carabinieri trovano la serra di essicazione a Ripa [VIDEO]

I carabinieri hanno sequestrato 222 piante ormai arrivate fino al metro di altezza e quasi pronte per essere macinate e confezionate.  Si aggrava la posizione dell'arrestato

Sviluppi, nelle ultime ore, dopo l’arresto del 29enne sorpreso a scaricare un  quintale di droga a Francavilla travestito da corriere e arrestato subito dopo.

In seguito al maxi sequestro di giovedì scorso, e dopo una notte di indagini serrate, i carabinieri sono riusciti a individuare anche la serra di essiccazione, situata in un casolare di Ripa Teatina. 

I militari infatti, durante la perquisizione, avevano trovato un mazzo di chiavi che però non apriva né la porta del garage nei pressi di piazza Sant’Alfonso, né quella della “serra industriale” scoperta a San Vito Chietino. Sfogliando la galleria del telefono sequestrato all’arrestato, gli stessi hanno trovato la foto di una bolletta con l’indirizzo di un casolare in Ripa Teatina di sua proprietà.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando raggiungono l’abitazione, saltano all’occhio due enormi ventole di condizionamento di ultima generazione. Vanno a verificare all’interno e grazie ai vigili del fuoco di Chieti, i militari riescono a scardinare la porta di ingresso e individuare una botola che conduce alla cantina: da qui proviene una strana luce gialla. È un grosso camerone di essiccazione, tecnologicamente allestito con grande dovizia: all’interno ci  sono ventilatori, lampade alogene, impianto di irrigazione, trasformatore di umidità, telecamere per la visualizzazione da remoto, condizionatori, impianto idrico elettronico, almeno 50 mila euro di attrezzatura. 

“Qui – evidenzia il maggiore Massimo Capobianco - probabilmente venivano portate le piantine di marijuana ormai mature affinché, attraverso un complesso impianto di ventilazione a temperatura costante, la droga si essiccasse nei tempi giusti, aumentandone il principio attivo. I carabinieri hanno sequestrato 222 piante ormai arrivate fino al metro di altezza e quasi pronte per essere macinate e confezionate”. 

Si aggrava pertanto la posizione già delicata dell’uomo, che aggiunge un altro capo di imputazione per produzione di sostanze stupefacenti. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corriere della droga a Francavilla, carabinieri trovano la serra di essicazione a Ripa [VIDEO]

ChietiToday è in caricamento