Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Via Federico Salomone

Il Comune deve alla cooperativa 90mila euro, ma ha il conto in rosso: casa famiglia a rischio chiusura

Quando l'ufficiale giudiziario ha battuto cassa, lo scorso 29 maggio, è emerso che il conto del Comune non ha 1 euro. Pignorata simbolicamente la poltrona del sindaco

 Dal 2013 hanno maturato un credito di 90mila euro dal Comune di Chieti. E domani mattina (giovedì 15 giugno), dopo le 9, pignoreranno simbolicamente, con l’ufficiale giudiziario, la poltrona del sindaco Umberto Di Primio

Protagonisti di questa azione dimostrativa sono i soci della cooperativa sociale Girasole, che gestiscono la “Casa di Francesco”, in via Salomone, una casa famiglia che può accogliere fino a 8 minorenni allontanati, per decisione del tribunale, dalla famiglia. La cooperativa è assistita dall’avvocato Luciana Di Nardo. La norma prevede che, quando un minore è ospite di una struttura del genere, il suo Comune di residenza provveda a versare alla cooperativa che la gestisce quanto dovuto. “Eppure - spiega Mariacarla Di Renzo - ci sono state pagate soltanto poche mensilità nel 2013, poi più niente”.  VIDEO: L'APPELLO DEL PRESIDENTE

Così, psicologi ed educatori professionali in servizio nella casa famiglia non possono essere pagati, se ne vanno e fanno vertenza: finora già in sei hanno intrapreso questa strada. 

“Per avere qualche fondo - spiega Di Renzo - abbiamo dovuto fare la certificazione del credito e, noi tre socie, riusciamo a far fronte a tutte le esigenze quotidiane tramite prestiti personali, magari togliendo qualche fondo ad altri servizi”. Ma la situazione, ormai, è critica. 

Quando l’ufficiale giudiziario ha battuto cassa, lo scorso 29 maggio, è emerso che il conto del Comune è completamente in rosso: zero euro in cassa, con parecchi pignoramenti a carico. 

“Oggi - lamenta la responsabile - si scopre una situazione di tale confusione e inerzia, con rimpallo di responsabilità, del Comune e della ragioneria comunale, la quale ha finanche omesso, in modo grave, di annotare in bilancio le fatture di pagamento di 41mila 797 euro e 29 centesimi”. 

Se il Comune non provvederà immediatamente a saldare il suo debito, la cooperativa Girasole dovrà chiudere la Casa di Francesco, licenziando 18 persone. Se dovesse paventarsi questa possibilità, le socie sono già pronte a citare il Comune di Chieti per danni, denunciando l’ente alla procura distrettuale della Corte dei Conti dell’Aquila, per danno erariale. 

“Niente sarà lasciato intentato - annunciano - in quanto viene colpita una società che opera onestamente sul territorio da più di venti anni, che nonostante la crisi economica è riuscita a dar lavoro, fino ad oggi ,a 18 dipendenti, che con la  paventata chiusura della cooperativa, le loro famiglie potrebbero trovarsi da domani senza prospettive future”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune deve alla cooperativa 90mila euro, ma ha il conto in rosso: casa famiglia a rischio chiusura

ChietiToday è in caricamento