menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cittadella della P.A. alla Berardi, Di Primio: "Entro 18 mesi il progetto definitivo"

Il progetto di rifunzionalizzazione della ex caserma Berardi, che vedrà la trasformazione in Cittadella della Pubblica Amministrazione. Il sopralluogo

Prende forma il progetto relativo alla cittadella della Pubblica Amministrazione presso la Caserma Berardi, in via Ferri, anche se la realizzazione vera e propria è ancora lontana.

Ieri mattina il sindaco ha incontrato i vertici della Direzione Nazionale del Demanio, il dirigente Gianluigi Silvano e il direttore regionale Edoardo Maggini per effettuare un sopralluogo. Assieme agli assessori all’Urbanistica Mario Colantonio, ai Lavori Pubblici Raffaele Di Felice, e al Patrimonio e al Demanio Valentina Luise si è parlato delle prossime azioni da compiere per dar vita al progetto di rifunzionalizzazione della ex caserma Berardi, che vedrà la trasformazione della sede del 123° Reggimento in Cittadella della Pubblica Amministrazione. 

Entro un anno e mezzo la progettazione definitiva potrebbe essere approvata: l’Agenzia del Demanio, che ha destinato progetto 15 milioni di euro, ha infatti annunciato che è in itinere lo studio di fattibilità. 

La realizzazione del polo logistico-amministrativo in via Ferri, comporterà la collocazione, all’interno della ex caserma, dell’Arma dei Carabinieri, del Corpo Forestale e della Guardia di Finanza, degli uffici dell’Agenzia delle Entrate e del Territorio, della Ragioneria Territoriale dello Stato, della Direzione Territoriale del Lavoro, dell’Archivio Notarile e dei Monopoli. Il risparmio stimato è di oltre 2 milioni di euro l’anno per il comparto pubblico. All’ex caserma dovrebbero inoltre sorgere una residenza assistita per persone diversamente abili, una scuola, circa 2000 posti auto e servizi commerciali.

“Non bisogna assolutamente rallentare quel processo virtuoso già intrapreso e che porterà alla realizzazione del un polo amministrativo direzionale e alla rifunzionalizzazione delle caserme nella nostra città – ha commentato il sindaco Di Primio - Chieti è protagonista assoluta di un progetto pilota nazionale, conservando la memoria storica dei nostri luoghi, delle nostre caserme, ed evitando arroccamenti partitici contribuiremo a costruire il futuro della città con investimenti economici notevoli e con la conseguente rivitalizzazione di un quartiere popoloso che ha subito una inevitabile trasformazione dopo la chiusura della caserma e il trasferimento dell’ospedale civile”.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento