Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Anche Chieti celebra il bimillenario della morte di Ovidio

Da giovedì attesi studiosi provenienti da prestigiosi atenei e dalla Sorbonne di Parigi per le celebrazioni del poeta di Sulmona

Attesi a Chieti studiosi provenienti da prestigiosi atenei e dalla Sorbonne di Parigi per il bimillenario della morte di Ovidio, che la città celebra con una serie di convegni che vede coinvolti università d’Annunzio, Comune, teatro Marrucino, Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio d’Abruzzo, museo Barbella e liceo Classico “G.B. Vico”. 

“In toto semper ut orbe canar – Ovidio: il poeta, l’arte, la tradizione” è il titolo del convegno internazionale di studi che si svolgerà dal 14 al 16 dicembre con un programma che si pone l’obiettivo di evidenziare l’influenza della poesia di Ovidio nel corso dei secoli. Il convegno darà anche spazio ad un approccio multidisciplinare sulle tematiche ovidiane con eventi nell’ambito di musica, teatro e arti figurative. 

Il programma

I lavori si apriranno giovedì 14 dicembre alle ore 15 presso l’auditorium del Campus Universitario dove, al termine degli interventi, alle ore 19 si terrà un concerto del gruppo Fairy Consort che eseguirà musiche rinascimentali ispirate alle opere di Ovidio. 

Venerdì 15 dicembre, alle ore 9.30, il convegno si sposterà al Museo di Scienze Biomediche.
Alle ore 15, presso il Museo Barbella, verrà inaugurata la mostra “Ut ameris, amabilis esto. Ovidio e l’arte della seduzione” curata dagli studenti del Liceo Classico G.B. Vico. I partecipanti al convegno potranno, inoltre ammirare la collezione di antiche ceramiche della collezione Paparella Treccia ispirate alle opere di Ovidio.  

Alle ore 16, le sessioni proseguiranno presso il Teatro Marrucino.  dove, alle ore 21, si terrà lo spettacolo teatrale “Tempeste. L’olivo, il vino, le pietre: trilogia della rinascita dalle Metamorfosi di Ovidio” scritto e narrato da Sista Bramini. 

Sabato 16 dicembre, i partecipanti al convegno  potranno usufruire di una visita guidata presso i Tempietti Romani. 

“L’iniziativa, che si pone nell’ottica della collaborazione tra Comune, Università e istituzioni del territorio – ha commentato l’assessore alla Cultrua di Chieti, Antonio Viola – porterà un sicuro lustro alla città di Chieti. Continueremo su questa strada verso un’ idea comune di sviluppo. Fondamentale il rapporto con il territorio. Non esiste progresso senza ricerca specialistica che poi vanno condivise”.

Locandina convegno su Ovidio-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche Chieti celebra il bimillenario della morte di Ovidio

ChietiToday è in caricamento