Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Pizzoferrato

Quarant'anni per la difesa del patrimonio forestale: onorificenze al luogotenente De Lollis

Al luogotenente dell’Arma dei Carabinieri Forestali la benemerenza del Comune di Pizzoferrato e l’encomio solenne del Comune di Rosello: "“L’opera di controllo, prevenzione e repressione condotta da uomini come lui permettono oggi al Medio Sangro di detenere un primato in termini di patrimonio forestale"

Sono state concessi al luogotenente dell’Arma dei Carabinieri Forestali Mariano De Lollis la benemerenza del Comune di Pizzoferrato con l’Iscrizione nell’Albo d’Oro Comunale e l’encomio solenne del Comune di Rosello. A consegnare gli alti attestati di riconoscenza i sindaci del Comune di Pizzoferrato, Palmerino Fagnilli, e del Comune di Rosello, Alessio Monaco.
Mariano De Lollis, Luogotenente Comandante dell’Arma dei Carabinieri Forestali in servizio dal giugno 1979, è stato collocato a riposo, dopo 40 anni di attività, a settembre. Ha iniziato la sua attività nel Corpo Forestale dello Stato in Liguria a Sanremo. Rientrato in Abruzzo diveniva Comandante della Stazione di Rosello nel giugno 1986 e ne reggeva le sorti per 28 lunghi anni, fino alla sua chiusura nel giugno 2014. Nello stesso anno, trasferito presso la stazione del Corpo Forestale dello Stato di Villa Santa Maria, con 13 Comuni di competenza, tra i quali Pizzoferrato, ne assumeva il comando fino al settembre 2019.


Gli anni dal 1979 al 2019 sono stati caratterizzati da eventi particolari per chi si occupava di tutela ambientale nel territorio dell’Abruzzo Citeriore, come ad esempio la nascita delle Aree Protette, tra queste proprio la Riserva Regionale dell’Abetina di Rosello e il Parco Nazionale della Majella, dove il logotenente svolgeva il suo servizio.  Non ultimo la nascita del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari, struttura dell’Arma dei Carabinieri, brevemente chiamati “Carabinieri Forestali”, istituita il 25 ottobre 2016.

onorificenze mariano de lollis-2
“L’opera di controllo, prevenzione e repressione condotta da uomini come De Lollis permettono oggi al territorio del Medio Sangro di tenere e detenere un primato in termini di patrimonio forestale di livello nazionale – ricorda il sindaco Palmerino Fagnilli - contribuendo in maniera sostanziale, in termini di biodiversità e CO2, alla qualità del sistema ambiente e quindi alla vita dell’uomo. Il tema dell’ambiente in questo momento nel mondo ha assunto una chiara centralità per via delle battaglie di Greta Thunberg e per i tristi accadimenti della foresta amazzonica. Prendere coscienza della finitezza delle risorse naturali è una operazione di civiltà nuova e assolutamente necessaria. Ma per giungere a risultati importanti ci vuole un lavoro costante e passionale come quello svolto dall’Arma dei Carabinieri Forestali e dalle persone che vi prestano servizio, in silenzio e in prima linea, con costanza e con amore, proprio come il luogotenente Mariano De Lollis a cui va il plauso e il ringraziamento certamente dei sindaci dei Comuni e delle Comunità dove ha prestato servizio, ma ancor di più, dell’intero Abruzzo e dell’Italia, che attraverso persone come lui, partecipano alla costruzione di un futuro migliore per l’intero pianeta”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quarant'anni per la difesa del patrimonio forestale: onorificenze al luogotenente De Lollis

ChietiToday è in caricamento