Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico / Via Cauta

Black-out continui tra Mater Domini e via Cauta: quando restare a casa è un incubo

Quando sembrava fosse tutto risolto, domenica sera l'ennesima interruzione di energia elettrica ha di nuovo colpito l'intero quartiere. I residenti non ne possono più

foto Censorino teatino

Restare a casa durante il lockdown è più complicato per i residenti del centro storico costretti, ormai da più di un mese, a subire continue interruzioni di energia elettrica della durata di ore e più volte al giorno. Un problema che sembrava risolto dopo il lungo intervento programmato da Enel distribuzione mercoledì scorso. Invece, già da venerdì pomeriggio e sabato dalle 5 del mattino alle 12 e poi ancora fino alle 14, sono rimaste senza energia elettrica le utenze di via Mater Domini, via De Lellis, via Cocco, via Principessa di Piemonte, via De Thomasis, via Cauta, via Del Giudice, via Viaggi, largo Teatro Vecchio, via Allegranza e dei gradoni di via Cauta.

Una situazione che ha portato alcuni residenti, ormai esausti, in rappresentanza di circa 130 famiglie, a protestare lungo corso Marrucino, davanti alla ex Fondazione Carichieti. I cittadini dicono di essersi rivolti più volte alle forze dell'ordine, ai carabinieri, alla polizia e alla Protezione civile, ma senza risolvere in maniera definitiva il problema. 

Dei disagi ovviamente è stato informato anche il Comune di Chieti che, tramite l’assessore alla Manutenzione Stefano Rispoli, ha fatto sapere che Enel sabato mattina ha realizzato ulteriori  interventi “spezzando la linea e isolando la parte guasta. A fronte delle riparazioni, i responsabili per il territorio di Chieti assicurano che non ci dovrebbero essere più interruzioni della corrente elettrica e annunciano che a breve gli impianti saranno ammodernati con lavori già in programma".

E invece i problemi sono tornati poche ore dopo: al termine di una domenica di lavoro da parte degli operai, ieri sera appunto, poco dopo le 22,30, la corrente è saltata di nuovo e non è più tornata fino a notte fonda. Agli abitanti del centro storico, stremati, non è rimasto che andare a dormire.

“Stiamo subendo dei disagi fortissimi – riferiscono i residenti – perché quando va via la corrente elettrica le nostre case restano al freddo: senza riscaldamento, senza acqua calda e in questi giorni sappiamo tutti quanto le temperature si siano abbassate. Per non parlare dei danni che possono subire i frigoriferi e tutti gli altri elettrodomestici con queste frequentissime interruzioni. In queste settimane in cui è raccomandato restare a casa il più possibile, di certo non è piacevole restare al freddo, al buio e pure isolati se putacaso ci si è dimenticati di ricaricare i telefoni prima degli improvvisi black-out. Le bollette, comunque, le paghiamo anche qui”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Black-out continui tra Mater Domini e via Cauta: quando restare a casa è un incubo

ChietiToday è in caricamento