menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finanza scopre attività illecita di autodemolizione nel Chietino: sanzioni per oltre 1milione di euro

I controlli a Canosa Sannita e Orsogna: recuperati bolli auto per 870mila euro, un soggetto è stato denunciato per ricettazione, reati ambientali e fiscali

I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Chieti hanno scoperto, nei pressi dei Comuni di Canosa Sannita e Orsogna, attività illecite nel settore della rottamazione di autovetture, tutte riconducibili ad un unico soggetto. Le indagini hanno permesso di individuare disseminati su una vasta area numerosi mezzi tra autoveicoli, motoveicoli, macchine agricole e parti di essi in palese stato di abbandono, nonché numerosi rifiuti, alcuni dei quali classificati come pericolosi. Inoltre, all’interno di un capannone dove veniva svolta l’attività di rottamazione sono state rinvenute – accuratamente occultate - numerose targhe di autoveicoli alcune delle quali riconducibili ad automobili oggetto di furto.

Le successive indagini hanno consentito di rilevare la presenza di 146 tra autoveicoli, motoveicoli e macchine agricole, 89 targhe di autoveicoli, 7 carte di circolazione e 4 certificati di proprietà. L’esito dei controlli e degli accertamenti fiscali ha permesso di rilevare elementi positivi di reddito non dichiarati per 1.154.069,71 euro e l’emissione di fatture relative ad operazioni soggettivamente inesistenti. E' stato inoltre individuato a carico di una società l’utilizzo di un lavoratore “in nero” con mansioni di lamierista/carrozziere.

Gli ulteriori accertamenti effettuati sulle targhe sequestrate in sede di accesso, mediante interrogazioni alle banche dati in uso al Corpo ed all’attività esterna presso i competenti Uffici (Provincia, Ufficio Aci – Pra e Motorizzazione Civile),hanno permesso di constatare che gli autoveicoli risultavano ancora circolanti.

Un soggetto è stato segnalato all’A.G. di Chieti per ricettazione, emissione di fatture per operazioni inesistenti, illecita attività di smaltimento rifiuti. Sono state irrogate sanzioni amministrative per 1.175.000,00 euro relative a 235 contestazioni per violazioni alla normativa ambientale e recuperati bolli auto non corrisposti alla regione Abruzzo per complessivi 870.032,00 euro.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento