Cronaca Ripa Teatina

Ripa teatina, picchiato perchè non riesce a saldare i debiti: arrestato l'estorsore

La Squadra Mobile di Chieti ha arrestato un albanese per estorsione e detenzione ai fini di spaccio: avrebbe minacciato e aggredito un commerciante trentenne, che non riusciva a pagare un debito di 3000 euro e per questo sarebbe sarebbe caduto in depressione

La Squadra Mobile di Chieti ieri ha arrestato un cittadino albanese residente a Ripa Teatina, B.S., 31 anni, con l'accusa di estorsione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

L'uomo, che aveva prestato circa 3000 euro a un commerciante 30enne della provincia di Chieti, avrebbe minacciato e picchiato con l'aiuto di alcuni amici quest'ultimo perchè non in grado di saldare quel debito. Una condizione che avrebbe procurato alla vittima uno stato di depressione tale da tentare il suicidio.

Poi, la denuncia alla Polizia, che è riuscita a mettere in trappola l'aguzzino. La vittima si è infatti presentata ieri all'appuntamento con questi ma,  mentre gli consegnava il denaro, banconote fotocopiate, sono intervenuti i poliziotti per arrestare l'albanese, nella cui abitazione successivamente sono stati trovati anche 10 grammi di cocaina e 1,9 grammi di marijuana, assieme a materiale per il confezionamento e un bilancino di precisione.

Da qui l'arresto anche per spaccio, circostanza che attualmente apre nuovi scenari agli investigatori, i quali sospettano che la somma dovuta possa essere relativa all'acquisto di droga e non a un prestito per l'apertura di un'attività.

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripa teatina, picchiato perchè non riesce a saldare i debiti: arrestato l'estorsore

ChietiToday è in caricamento