rotate-mobile
Cronaca

Scappa alla vista dei carabinieri, poi li prende a calci e pugni: addosso aveva gioielli rubati

Un 48enne residente a Chieti è finito in manette resistenza e violenza a pubblico ufficiale ed è stato denunciato per ricettazione

Alla vista di una pattuglia dei carabinieri, ha iniziato a scappare senza alcuna apparente ragione. E, ovviamente, i militari si sono lanciati al suo inseguimento. Nel giro di pochi istanti l'uomo è stato raggiunto dai carabinieri della stazione Roma Tor Tre Teste, nei pressi dei lotti popolari tra via Molfetta e via Ugento. 

Ma non è finita con l'inseguimento: quando gli uomini dell'Arma lo hanno acciuffato, ha tentato di sottrarsi al controllo, divincolandosi tra pugni e calci ai militari, che hanno dovuto immobilizzarlo con una certa fatica. 

Una volta identificato, si è scoperto che il 48enne residente a Chieti era detenuto in regime di semilibertà nel carcere di Pescara, dove sta scontando un cumulo di pene per reati contro il patrimonio, tra cui furto, rapina e ricettazione. 

Addosso, aveva diversi gioielli, di cui non ha saputo spiegare la provenienza. A quel punto, sono scattate le manette; il 48enne è stato arrestato con l'accusa di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e denunciato a piede libero per ricettazione. Sono tuttora in corso gli accertamenti dei carabinieri sui preziosi sequestrati, per tentare di risalire al legittimo proprietario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scappa alla vista dei carabinieri, poi li prende a calci e pugni: addosso aveva gioielli rubati

ChietiToday è in caricamento