Cartucce da caccia e un coltello sul furgone, nascondevano la cocaina sotto una tegola: arrestati due giovani

Si tratta di due 29enni della provincia di Foggia, domiciliati ad Altino, fermati per un controllo su strada e finiti ai domiciliari

Viaggiavano su un furgone con cartucce da caccia, un grosso coltello a serramanico e materiale per confezionare la droga. Poi, quando è scattato il controllo domiciliare dei carabinieri di Lanciano, agli ordini del capitano Vincenzo Orlando, è stata rinvenuta anche la cocaina. Per questo, sono finiti in manette per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, porto abusivo di armi e detenzione abusiva di munizionamento due giovani della provincia di Foggia, Salvatore Buonagura e Matteo Diomedes, 29 anni. 

Tutto è iniziato ieri sera, quando i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile diretti dal capitano Massimo Canale erano impegnati in una operazione di contrasto alla diffusione di stupefacenti. Lungo la Pedemontana che collega Lanciano a Casoli, nei pressi dell'ingresso all'Oasi di Serranella, hanno individuato un Fiat Scudo bianco con due persone a bordo. 

Immediatamente è scattato l'alt e sono stati identificati gli occupanti. Poi, i militari hanno avviato un controllo approfondito del mezzo, perché i giovani sembravano molto nervosi. L'intuizione si è rivelata giusta: sotto il sedile anteriore, era posizionata una valigetta che contenva circa 200 cartucce da caccia e un coltello a serramanico da 22 centimetri. I passeggeri non hanno subito spiegare la provenienza di queste armi. 

Inoltre, nel porta oggetti del furgone, c'erano alcune buste tagliate e altri ritagli di buste di plastica, che hanno fatto pensare ai carabinieri che si trattasse di materiale usato per confezionare le dosi di droga da spacciare. A quel punto, dunque, è scattata la perquisizione domiciliare, alla ricerca di eventuale sostanza stupefacente. Ciò che pensavano i carabinieri è stato confermato. 

Nella casa dei due, in contrada Briccioli, ad Altino, sono arrivati altri carabinieri in borghese e i colleghi della stazione di Casoli, competenti per territorio. In una camera da letto sono state trovate altre buste tagliate, uguali a quelle sul furgone. E, in una tettoia esterna all'abitazione, nascoste sotto alcune tegole, c'erano due involucri di plastica, contenenti a loro volte 20 piccole confezioni contenenenti cocaina, ricoperte della stessa plastica trovata in precedenza. 

A quel punto, sono scattate le manette per i due 29enni. Ora i pugliesi sono agli arresti domiciliari, a disposizione della procura della Repubblica di Lanciano, in attesa dell'udienza di convalida. Le indagini proseguono per individuare la provenienza della cocaina sequestrata e i contatti dei due. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo si accascia nei pressi di Ikea: vigilante gli salva la vita dopo il massaggio cardiaco

  • Lanciano in lutto per Mirella: domani l'ultimo saluto alla 41enne morta nell'incidente a Pescara

  • Tragico schianto in galleria durante le vacanze: morto un ragazzo di Tollo

  • Beve una bibita e inizia a vomitare sangue: 15enne soccorso elicottero sul monte Amaro

  • FOTO-Ordigni bellici in mare a Fossacesia, balneazione vietata

  • Incidente al Foro a Francavilla: tre vetture coinvolte, due feriti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento