Cronaca

Picchiato per aver difeso una ragazza che stava discutendo con il fidanzato: individuato l'aggressore

È un 22enne, fuggito subito dopo l'aggressione, che è stato rintracciato a casa e si è mostrato profondamente pentito. La vittima dimessa dall'ospedale con 25 giorni di prognosi

È finito in ospedale con una prognosi di 25 giorni un giovane della provincia di Chieti pestato da un coetaneo del Pescarese, sabato notte. 

Come racconta Il Pescara, intorno alle 2.30, sul lungomare, all'altezza dello stabilimento Marechiaro si è scatenato il parapiglia e sono intervenute le volanti della questura. Ad avere la peggio è stato il giovane del Chietino, trasportato in ospedale con una ferita alla testa da cui perdeva molto sangue. 

L'aggressore si è dileguato prima dell'arrivo della polizia, ma gli agenti hanno ascoltato diversi testimoni per cercare di ricostruire quanto accaduto, riuscendo così a risalire all'identità del ragazzo. Si tratta di un 22enne della provincia di Pescara, incensurato, che, dopo essere stato rintracciato nella sua abitazione, ha ammesso le proprie responsabilità, mostrandosi profondamente pentito. Il giovane è stato segnalato alla procura della Repubblica. 

Da quanto è emerso finora sembrerebbe che, dopo una serata trascorsa in uno stabilimento balneare, la vittima avrebbe preso le difese di una ragazza, che in quel momento discutendo con il suo fidanzato, amico dell'aggressore.

Ben presto, dalle parole si è passati ai fatti e ad avere la peggio era stato il giovane che ha cercato di riportare la pace.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiato per aver difeso una ragazza che stava discutendo con il fidanzato: individuato l'aggressore

ChietiToday è in caricamento