menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accompagna la moglie a prostituirsi e si prende l'incasso: arrestato 36enne di Guardiagrele

Per eludere i controlli era solito accompagnare la donna in autobus sulla strada provinciale Tiberina, a Capena, dove avevano luogo le prestazioni

Lei si prostituiva, lui passava all'incasso. Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Fiano Romano hanno posto fine agli "affari di famiglia" di un 36enne originario di Guardiagrele, S.M., che viveva con la moglie a Civitella San Paolo, in provincia di Roma. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. 

Secondo quanto ricostruito nel corso dellle indagini, per sfuggire ad eventuali controlli da parte delle forze dell'ordine S.M. era solito accompagnare la moglie 44enne sul "posto di lavoro" in autobus. Una volta arrivati sulla strada provinciale Tiberina, nel comune di Capena, all'altezza di un fast-food, si posizionava a una decina di metri di distanza per sorvegliare l'area e controllare l'attività della donna la quale, dopo le prestazioni, mandava i "clienti" dal marito a saldare il conto.

Al termine delle indagini, l'uomo è stato fermato e condotto in caserma, dove è stato accertato come la donna che lo stesso sfruttava, era appunto sua moglie. Espletate le formalità di rito, il 36enne è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari, la moglie affidata ai servizi sociali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento