Truffe via pec agli indirizzi dei professionisti abruzzesi: "Non aprite quella mail"

L'allarme dell'associazione Consumatori Contribuenti Abruzzo

Tentativi di truffe via pec provenienti da un indirizzo fasullo del tribunale di Napoli ai professionisti abruzzesi.

É l'allarme lanciato anche da Contribuenti Abruzzo dopo le segnalazioni arrivate, che consiglia: "Non aprite pec provenienti dal tribunale di Napoli"

"Dalle prime ore di questa mattina una raffica di pec farlocche ma ben congeniate,  con mittente il Tribunale di Napoli e la messa ruolo di contenziosi civili con tanto di indicazione di nomi reali di giudice e cancelliere, con assistente giudiziario, a corollario. Destinatari studi legali, commerciali, tecnici, giornalisti” informa Donato Fioriti, presidente associazione consumatori Contribuenti Abruzzo (CRUC Regione Abruzzo), che si augura un pronto intervento della polizia postale.

“Non aprite le mail in questione - esorta Fioriti- ,soprattutto non aderite all’invito di aprire gli allegati, in alcun modo e attraverso il Drop Box: lascerete entrare  il relativo Trojan, esponendovi al furto di dati personali o password d accesso per voi importanti. Purtroppo lo stile della missiva può trarre in inganno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • Coronavirus: 560 nuovi contagi e 12 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

  • Cos’è il saturimetro e perché averne in casa uno in questo periodo di emergenza sanitaria

Torna su
ChietiToday è in caricamento