rotate-mobile
Attualità

Lo spray nasale al glucagone per i pazienti diabetici in Abruzzo torna a carico del servizio sanitario

Dal 24 ottobre, era stato riclassificato dall’Aifa tra quelli a totale carico del cittadino; la formulazione facilita la somministrazione in caso ipoglicemie gravi che possono mettere a rischio la vita del paziente

La giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Salute, Nicoletta Verì, ha approvato oggi la delibera che rende nuovamente a carico del servizio sanitario il farmaco Baqsimi a base di glucagone, uno spray nasale indicato per il trattamento della ipoglicemia severa nei soggetti diabetici, in particolare bambini e adolescenti.

Il medicinale, infatti, dal 24 ottobre scorso era stato riclassificato dall’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) tra quelli a totale carico del cittadino.

“Una decisione – spiega Verì – che aveva creato timori e non poche difficoltà a tante famiglie, dato che la formulazione in spray di questo farmaco ne facilita la somministrazione in situazioni di emergenza, scongiurando dunque ipoglicemie gravi che possono mettere a rischio la vita del paziente diabetico, soprattutto dei più piccoli. In caso di crisi improvvisa e in situazioni in cui non sarebbe possibile la somministrazione per via intramuscolare del glucagone, infatti, lo spray rappresenta l’unico strumento per garantire la sicurezza del paziente”.

L’Abruzzo è tra le primissime Regioni italiane a intervenire sulla rimborsabilità del glucagone spray.

Il farmaco sarà dispensato nelle farmacie ospedaliere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo spray nasale al glucagone per i pazienti diabetici in Abruzzo torna a carico del servizio sanitario

ChietiToday è in caricamento