rotate-mobile
Attualità Chieti Scalo / Viale Abruzzo, 116

VIDEO-Perdita d'acqua pulita in via Mattioli, si teme un'altra estate con i rubinetti a secco

"Nonostante l’Aca sia stata tempestivamente informata e sollecitata - denuncia il consigliere comunale di Chieti Viva Giampiero Riccardo - ad oggi nulla è stato fatto per individuare e risolvere il problema"

Acqua pulita che sgorga ininterrottamente, da diversi giorni, in via Mattioli, poco distante dal cancello d'ingresso dell'ex ospedale San Camillo. Una situazione che sta preoccupando non poco i cittadini, soprattutto considerando l'annosa questione idrica che affligge Chieti da tempo. L'acqua continua a uscire da oltre una settimana, senza che si riesca a sistemare il guasto.

"Nonostante l’Aca sia stata tempestivamente informata e sollecitata - denuncia il consigliere comunale di Chieti Viva Giampiero Riccardo - ad oggi nulla è stato fatto per individuare e risolvere il problema. In tutta la città - incalza - queste perdite sono cospicue e in aumento. Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Istat, l’istituto nazionale di statistica, nel 2020 a Chieti, per ogni cento litri immessi nella rete di distribuzione, il 71,7% d'acqua non è arrivato nelle case. Siamo il comune capoluogo con la dispersione più alta d'Italia. Un dato in continuo aumento se consideriamo che nel 2017 la percentuale era del 39,80%, segno di una continua trascuratezza rispetto a una questione, su cui invece sarebbe urgente intervenire".  

"Lo stesso sindaco - dice ancora Riccardo - durante il consiglio comunale del 21 aprile scorso, rispondendo a una mia interrogazione sulla possibilità che dopo le difficoltà del 2021, il rischio di mancanza d’acqua a Chieti possa tornare anche per questa estate; ha confermato i miei timori su una nuova crisi idrica. Il potenziamento del serbatoio di Madonna della Vittoria, annunciato da anni da Aca, sarebbe dovuto terminare nel 2020. Stando a quanto dichiarato sempre dal sindaco, i lavori sul nuovo anello di Chieti Scalo da 200mila euro dovrebbero finalmente iniziare appena dopo l’estate e terminare a fine 2022. Troppo, troppo poco per una rete idrica colabrodo e con molteplici criticità. Soprattutto considerando che Aca Spa destina milioni di euro per investimenti in Comuni pescaresi limitrofi con popolazione nettamente inferiore al capoluogo teatino", conclude il consigliere di minoranza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VIDEO-Perdita d'acqua pulita in via Mattioli, si teme un'altra estate con i rubinetti a secco

ChietiToday è in caricamento