Il peperone dolce di Altino batte tutti: lo dice una ricerca internazionale partita dalla d'Annunzio

Lo studio evidenzia significative proprietà antiossidanti e antinfiammatorie e lascia prefigurare anche effetti protettivi nei confronti della iperplasia prostatica

L’ortaggio dalle proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e con possibili effetti protettivi nei confronti della iperplasia prostatica è il peperone dolce di Altino (Capsicum annuum L.). A confermarlo è uno studio pubblicato in questi giorni sulla rivista internazionale Antioxidants da un gruppo di ricercatori dell’università di Chieti: Azzurra Stefanucci, Alice Della Valle, Marilisa Pia Dimmito, Marcello Locatelli, Adriano Mollica e Angelo Cichelli, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, l’università di Napoli e due delle più grandi università Turche. 

La ricerca sulle caratteristiche di composizione è stata condotta anche confrontando il peperoncino con altre varietà di presenti sul territorio abruzzese, per definire le proprietà fitochimiche e biologiche e le potenzialità nutraceutiche, mediante analisi in vitro ed in vivo, del famoso prodotto tipico della provincia di Chieti. E il peperone dolce di Altino batte tutti.

“In questo lavoro – si legge -  il miglior contenuto polifenolico è stato rilevato nell'estratto di Soxhlet del peperone dolce, caratterizzato da una significativa proprietà antiossidante e da un'elevata attività di inibizione degli enzimi”. I risultati lasciano prefigurare anche effetti protettivi nei confronti della iperplasia prostatica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’università di Chieti-Pescara – spiega il professor Adriano Mollica, ordinario di Chimica Farmaceutica e Nutraceutica all’Ud’A - con i Dipartimenti di Farmacia e Scienze Mediche, Orali e Biotecnologiche, prosegue nella ricerca applicata alle produzioni agroalimentari del territorio, soprattutto con nuove sinergie tra i gruppi di chimica farmaceutica, analitica, e degli alimenti e di tecnologie alimentari, a latere delle ricadute sulla didattica nel nuovo corso magistrale in Scienze dell’Alimentazione e salute”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: altri 9 nuovi casi in Abruzzo e c'è anche un decesso

  • Bimbo si accascia nei pressi di Ikea: vigilante gli salva la vita dopo il massaggio cardiaco

  • Coronavirus: quattro nuovi casi oggi in Abruzzo e tre riguardano la provincia di Chieti

  • Tragico schianto in galleria durante le vacanze: morto un ragazzo di Tollo

  • Beve una bibita e inizia a vomitare sangue: 15enne soccorso elicottero sul monte Amaro

  • FOTO-Ordigni bellici in mare a Fossacesia, balneazione vietata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento