rotate-mobile
Attualità

Una loggia massonica a Chieti, tra contestazioni ed esoterismo: "Un proiettile ha colpito la nostra sede"

La Sovrana loggia Araba fenice ha sede a pochi passi dal centro commerciale Megalò. Il maestro venerabile Ginevra Di Nicola respinge con forza gli accostamenti della massoneria a Matteo Messina Denaro

La massoneria è presente anche a Chieti. Una sede nel capoluogo teatino, da due anni, si trova a pochi passi dal centro commerciale Megalò. Loro sono la Sovrana loggia Araba fenice, circa 50 membri provenienti anche da fuori regione che si incontrano nella sede di via Vella due volte al mese.

La loggia massonica nelle scorse settimane è balzata all'onore delle cronache per via di un convegno organizzato all'hotel Iacone dal titolo "Francesco d'Assisi: misticismo o esoterismo?".

All'esterno della location scelta per il convegno un gruppo di attivisti di Forza Nuova ha contestato l'iniziativa.

contestatori

"In tanti, spaventati, non hanno partecipato al convegno. Noi - spiega il maestro venerabile Ginevra Di Nicola - siamo adogmatici ma non atei. Chi entra a far parte del nostro contesto svilupppa quello che può essere definito un viaggio interiore. Le contestazioni - racconta Ginevra Di Nicola - sono iniziate 20 giorni prima, e anche nei giorni successivi, gli attivisti di Forza Nuova ci hanno definiti 'il male assoluto' aggiungendo che l'arcivescovo di Chieti fosse d'accordo con loro. Questo è odio sociale, noi, al contrario inviteremo Bruno Forte al nostro prossimo incontro". 

"I nostri eventi servono a far conoscere questa realtà che non ha nulla di segreto. Siamo solo riservati. Per entrare a far parte della loggia non bisogna avere subito condanne penali. Queste sono le persone che 'possono venire a bussare alle porte del tempio'. Poi le persone devono rispecchiarsi in certe attitudini: noi non accettiamo atei, non siamo un credo religioso ma crediamo in un essere superiore che chiamiamo 'grande architetto dell'universo' che ha creato tutto. Siamo una fratellanza che abbraccia ogni credo religioso".

La loggia massonica a Chieti

Ultimamente si sta parlando di massoneria associata a Matteo Messina Denaro. Quelle non sono logge massoniche ma altro, è un accostamento totalmente sbagliato. Noi ci occupiano di esoterismo, nei nostri lavori nel tempio svolgiamo un rituale per riconnetterci con la natura: terra, acqua e fuoco". 

Nelle scorse settimane un proiettile ha colpito un vetro della sede sul quale sono in corso delle indagini. "Non sappiamo cosa sia successo, di certo - spiega - se si tratta di un gesto volontario sarebbe la prima volta nella storia di un attacco diretto a una loggia massonica".

massoneria chieti (4)

La Sovrana loggia Araba fenice annuncia, infine, il prossimo appuntamento. "Invitiamo tutta la cittadinanza a Chieti, per quanto riguarda la location deve essere confermata ma sarà di sicuro nel cuore del capoluogo teatino. Il tema scelto riguarda le stigmate: realtà o psicosi?" 

  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una loggia massonica a Chieti, tra contestazioni ed esoterismo: "Un proiettile ha colpito la nostra sede"

ChietiToday è in caricamento