rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Attualità Francavilla al Mare

Un mese e mezzo dal crollo della galleria San Silvestro, la sindaca Russo contro Anas: "Nessuna risposta alle mie tre lettere"

Rimaste inascoltate anche le sue proposte di prevedere pedaggi autostradali o biglietti del treno gratuiti, per migliorare le pesanti ripercussioni sul traffico nel territorio di Francavilla

È trascorso un mese e mezzo dal crollo all'interno della galleria San Silvestro, sulla circonvallazione, nel territorio di Pescara, chiusa da allora a tempo indeterminato.

Una chiusura che ha avuto inevitabili ripercussioni sulla viabilità, soprattutto a Francavilla al Mare. A nulla sono valse le proposte della sindaca Luisa Russo, di prevedere l'esenzione dei pedaggi autostradali, o dei biglietti dei treni. Al momento, quelle proposte sono rimaste inascoltate. 

Così come non hanno avuto un seguito le tre lettere che la prima cittadina ha inviato all'Anas, società proprietaria del tratto di strada, per chiedere contezza dei tempi di messa in sicurezza e riapertura di un'infrastruttura fondamentale per il traffico dell'area tra Francavilla, Chieti e Pescara.

"Abbiamo scampato una tragedia per pochissimo - è il commento della sindaca Russo - ma oggi nessuno parla più, o quasi, della galleria San Silvestro della variante Anas, che resta chiusa ormai dal 22 novembre. Non un’informazione, oltre quelle che recuperiamo dai giornali, che ci dicono di un'indagine della procura in corso, di una perizia e di lavori presumibilmente iniziati. Nonostante le mie tre missive, inviate ad Anas all'indomani del crollo della parete del tunnel, non ho ottenuto alcuna risposta. Né sui tempi, né sull'esenzione dei pedaggi autostradali di cui ho chiesto ad Anas di farsi carico dei costi e delle procedure, né sulla valutazione di sostenere i cittadini con mezzi pubblici alternativi, come il treno, proposta anche in questo caso non considerata".

"Trovo questo atteggiamento irrispettoso - tuona Russo - non tanto e non solo nei confronti di un sindaco, chiamato ogni giorno a dare risposte, quanto nei confronti di una comunità attualmente esclusa da ogni informazione o previsione. Il tratto crollato ricade nel territorio di Pescara, ma la città che fa più le spese di tale enorme disagio, è la nostra. Lunedì (domani) riprende l'attività lavorativa per tutti, e prevedo nuove grandi code sul nostro territorio, con conseguenze in termini di tempi di spostamento, di inquinamento e tanto altro ma pare che la questione non interessi a nessuno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un mese e mezzo dal crollo della galleria San Silvestro, la sindaca Russo contro Anas: "Nessuna risposta alle mie tre lettere"

ChietiToday è in caricamento