La professoressa Petrini nel Cts della Protezione civile: "Orgogliosa, ma umiliante essere scelta perché donna"

La direttrice della Terapia Intesiva di Chieti è entrata a far parte della Commissione tecnico-scientifica presieduta dal capo della Protezione civile Borrelli

"È umiliante essere scelta perché si è donna. Ma sono comunque orgogliosa di rappresentare il genere femminile nel Comitato tecnico scientifico della Protezione civile". È il primo commento di Flavia Petrini dopo la notizia dell'ingresso nel Comitato tecnico-scientifico per la Fase-2 dell'emergenza Coronavirus.

La docente ordinaria all'università D'Annunzio, direttrice dell'Unità complessa di Anestesia, rianimazione e terapia intensiva dell'ospedale di Chieti e presidente della Società italiana di anestesia, rianimazione e terapia intensiva (Siaarti) è entrata a far parte della Commissione presieduta dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli.

 "Ho avuto l'onore - spiega all'Adnkronos Salute - di ricevere la comunicazione dallo stesso Borrelli al quale ho detto che mi faceva piacere che ci si fosse accorti che mancavano figure femminile. E ho detto, ironicamente, che era un po' umiliante essere considerata per i propri geni. A parte tutto, però, ho un ottimo rapporto con l'anestesista rianimatore che è già nel Comitato, il professor Massimo Antonelli, mi aggiungo a lui e mi impegno a dare il mio contributo".

In fase 2, secondo Petrini, il lavoro più intenso per i medici, anestesisti e rianimatori sarà ancora più intenso.  "Si dovranno garantire tutti gli interventi ordinari che nell'emergenza sono stati sospesi, e si dovranno riorganizzare e separare gli spazi in ospedale per garantire sicurezza in questa fase di 'convivenza' con il virus, che è ancora presente e pericoloso. Credo che questa fase sia la più difficile. Si tratterà - aggiunge l'esperta - di fare tesoro di quello che abbiamo imparato".

Al SS. Annunziata, spiega ancora, sono stati mantenuti aperti i posti letto di terapia intensiva. "Abbiamo cominciato a rimettere anestesisti nelle sale operatorie, gli infermieri prestati alle terapie intensive tornano in sala, i chirurghi che erano stati prestati ai reparti di degenza non intensiva Covid tornano a fare il loro lavoro. Ma i percorsi li stiamo riscrivendo adesso, con il ministero, con i tavoli tecnici" conclude.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali, i voti ricevuti da tutti i candidati consiglieri

  • Torna l’ora solare e guadagneremo un’ora in più di sonno

  • La sfida elettorale riparte: Di Stefano e Ferrara al ballottaggio per governare Chieti

  • Tra volti noti e nuovi ingressi, ecco chi entra in consiglio e chi può ancora sperare in un posto

  • Elezioni comunali 20-21 settembre 2020 a Chieti: i risultati definitivi

  • Preferenze candidati consiglieri del centrodestra con Fabrizio Di Stefano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento