menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scatta il fermo biologico, stop al pesce fresco in tutto l’Adriatico

Il blocco delle attività durerà nel tratto tra il sud delle Marche, l'Abruzzo e il Molise fino al 15 settembre

Stop al pesce fresco a tavola lungo tutto l'Adriatico: da oggi, 17 agosto, il fermo pesca è esteso anche al tratto di costa da San Benedetto e Termoli, dopo che la flotta aveva già interrotto le attività nel resto dell’Adriatico. A darne notizia e' Coldiretti Impresapesca nel sottolineare che il blocco delle attività durerà nel tratto tra il sud delle Marche, l'Abruzzo e il Molise fino al 15 settembre. "Come lo scorso anno- spiega Coldiretti Impresapesca - in aggiunta ai periodi di fermo fissati i pescherecci dovranno effettuare ulteriori giorni di blocco che vanno da 7 a 17 giorni a seconda della zona di pesca e del tipo di risorsa pescata".

A quanto si apprende, lo Stato fornirà ai pescatori un contributo economico per risarcirli dei mancati incassi durante questo periodo di stop, mentre i ristoratori potranno approvvigionarsi del pesce fresco proveniente dal versante tirrenico.

Il fermo scade quest'anno "in un momento difficile per il settore, duramente colpito dall'emergenza coronavirus", con danni da 500 milioni di euro stimati da Coldiretti Impresapesca per effetto di produzione invenduta, perdite economiche derivanti dal crollo dei prezzi e dal deprezzamento delle specie ittiche a maggior pregio non richieste dalla ristorazione, ancora alla prese con una difficile ripartenza. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento