menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Divieto di distribuire preservativi all'università: Arcigay annulla la sua partecipazione all'evento

I volontari saranno comunque nel campus stamani per distribuire materiale in maniera autonoma, ma non prenderanno parte al banchetto informativo organizzato dal Sism

Oggi avrebbero dovuto partecipare alla giornata di sensibilizzazione e informazione, all'università d'Annunzio, in occasione della giornata mondiale contro l'Aids, che si celebra in tutto il mondo il 1° dicembre. Ma hanno saputo che, a differenza degli anni scorsi, quest'anno non sarà possibile distribuire preservativi, ossia l'unico mezzo per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili, Hiv compreso. Così, i volontari di Arcigay Chieti si sono tirati indietro: non ci saranno all'evento organizzato dal Sism, il sindacato degli studenti di Medicina. 

Lo spiegano loro stessi, raccontando di aver cercato di capire

come mai questo divieto fosse arrivato proprio quest’anno e il giorno prima dell’evento, ma non abbiamo trovato alcuna risposta certa.

Così, hanno deciso di organizzare un "controevento" di informazione e formazione, gratuita e aperta a tutti, nel pomeriggio, alle ore 16, nella sede di viale Maiella 72. Ma non accettano quanto accaduto: 

L’università dovrebbe essere un luogo di cultura e scienza e continuiamo a non capire quale possa essere il problema del distribuire preservativi all’interno di uno spazio, come quello del bar di Farmacia, che raccoglie perlopiù studenti e studentesse di Medicina, di Farmacia, Infermieristica e Professioni sanitarie, oltre a personale medico e professori e professoresse professionisti.

Spinti dell’importanza di questa giornata e della necessità di continuare ad informare tutti e tutte sul tema dell’Hiv e di tutte le altre Ist, i nostri volontari e le nostre volontarie saranno presenti questa mattina nei pressi dell'università, per distribuire materiale informativo sulle Ist e preservativi per una sessualità libera e consapevole.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento