rotate-mobile
Attualità

Dispersione idrica, l'Abruzzo è maglia nera in Italia: in 30 anni si è passati dal 33% al 55%

Non sono bastati, finora, i tentativi di ammodernare la rete e di provvedere, anche con riforme a livello regionale, ad affrontare un problema che è tra le cause principali della carenza idrica in cui si trova la regione nel 2021

La dispersione dell'acqua dalla rete idrica in Abruzzo è passata negli ultimi trenta anni dal 33,8%, certificato dall'Istat nel 1990, al 55,6% del 2018, come risulta da una indagine recente di Confartigianato citata dall'agenzia Ansa. Dati che regalano alla regione un primato certamente non virtuoso di maglia nera d'Italia. 

Non sono bastati, finora, i tentativi di ammodernare la rete e di provvedere, anche con riforme a livello regionale, ad affrontare un problema che è tra le cause principali della carenza idrica in cui si trova la regione nel 2021.

Già nel 1990, secondo dati Istat, l'Abruzzo, con il 33,8%, si collocava tra le regioni italiane a più alta dispersione idrica, a fronte di una media nazionale del 27,1%. Nel 2002 l'assessore regionale ai lavori Pubblici, Giorgio De Matteis, denunciava la dispersione di oltre il 50% delle risorse idriche a causa di omissioni in tema di manutenzione. ''Si è determinato uno stato di vetustà e di inefficienza - aveva dichiarato all'epoca - che determina dispersioni altissime che superano il 50% del volume distribuito. Tutto ciò mentre siamo costretti ad acquistare acqua da fuori regione".

Nel 2007 l'assessore regionale al Ciclo idrico integrato, Mahmoud Srour, sosteneva che "enti e cittadini" dovessero "fare ognuno la sua parte per evitare gli sprechi. Siamo una regione ricca d'acqua - aveva spiegato al tempo - con otto metri cubi al secondo di acqua potabile, un dato elevatissimo. Eppure qualcosa non ha funzionato: tra le perdite nella rete e quelle cosiddette 'amministrative', la dispersione idrica regionale è del 58%''.

Nel 2012, secondo dati Istat, l'Abruzzo era la sesta regione d'Italia per dispersione idrica: il 42,3% dell'acqua immessa in rete non era arrivata agli utenti finali. Nel 2014, rilevava l'Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, il 53% dell'acqua immessa nella rete idrica abruzzese andava disperso.

Come ricorda l'Ansa, l'ultima rilevazione, relativa al 2018 in base a uno studio di Confartigianato, pone l'Abruzzo come maglia nera d'Italia con la dispersione idrica arrivata al 55,6% rispetto al 42% di media nazionale, con tre province su quattro tra le peggiori in Italia: Chieti, L'Aquila e Pescara, rispettivamente al terzo, quarto e decimo posto della classifica nazionale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dispersione idrica, l'Abruzzo è maglia nera in Italia: in 30 anni si è passati dal 33% al 55%

ChietiToday è in caricamento