menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus: sperimentato a Chieti il nuovo test rapido sull'olfatto

Lo studio condotto su 100 pazienti, sfrutta un dispositivo ideato da Andrea Mazzatenta e Camillo Di Giulio dell'università "d'Annunzio"

A Chieti si sperimenta un nuovo test rapido che permette, in appena due minuti, di rilevare se un paziente è in grado di percepire gli odori, e quindi di stabilire il grado di alterazione olfattiva. Uno dei primi sintomi di Covid-19, infatti, è l'alterazione della percezione olfattiva: gli odori e i profumi si "spengono".

Si tratta di uno studio condotto su 100 pazienti attraverso l'utilizzo di un dispositivo denominato "olfactory mmart threshold test" (Ost Test), ideato dal gruppo dei neurofisiologi Andrea Mazzatenta dell'Università "d'Annunzio" e Camillo Di Giulio, direttore del laboratorio di neurofisiologia olfattiva e chemiocettiva dell'ateneo.

Il team ha utilizzato il test olfattivo ingegnerizzato dall'azienda pescarese The Prototype srl, che ha donato "cento kit al Santissima Annunziata di Chieti, per la prima sperimentazione sui malati di Covid-19", spiega all'Adnkronos Salute Mazzatenta.

"Le persone con Covid-19 riferiscono anche di non sentire il gusto, ma questo non è esatto. Lo percepiscono, come abbiamo visto. Quello che non sentono sono i sapori, perché quella dei sapori è una percezione cross modale che coinvolge gusto e olfatto. Sono proprio le alterazioni dell'olfatto a 'spegnere' i sapori", dice Mazzatenta. L'Ost Test è un kit realizzato anche grazie alla stampa 3D, e prevede l'uso una app gratuita per smartphone e tablet per poter eseguire correttamente e confermare il risultato del test in tempo reale. "In ospedale non abbiamo usato l'app. Ora lo studio è terminato - conclude Mazzatenta - stiamo controllando i dati e produrremo due lavori scientifici, attualmente in preparazione".

Il pool di ricerca, costituito da università e ospedale, è coordinato da Giampiero Neri, associato in otorinolaringoiatria, e composto da specialisti della clinica di malattie infettive diretta da Jacopo Vecchiet, dai reparti di medicina generale 1 e 2 diretti da Francesco Cipollone e Ettore Porreca, dalla cardiologia e utic diretta da Marcello Caputo e dalla pneumologia, diretta da Stefano Marinari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento