L'azienda tessile Filoflex regala 100 mascherine al Comune di Guardiagrele

Le mascherine saranno destinate prioritariamente a chi sta lavorando a servizio della cittadinanza: i collaboratori del Comune polizia municipale, operai e servizio sociale

L'azienda tessile Filoflex di Davide Nicodemo ha donato al Comune di Guardiagrele 100 mascherine, dando il suo contributo alla rete di solidarietà sempre più attiva in questo momento di emergenza sanitaria. 

La Filofex è già nota per la sua generosità: il fondatore Antonio Nicodemo, infatti, venne nominato Cavaliere per una donazione di materassi in occasione del terremoto in Umbria nel 1997.

“Il mio papà e mia nonna – racconta Davide Nicodemo nella comunicazione inviata al Comune - mi hanno insegnato l'onestà e la generosità e, in ogni momento in cui la comunità ha avuto bisogno, lui non si è mai tirato indietro. Oggi più che mai, insieme abbiamo voluto contribuire, nel nostro piccolo, avviando una produzione di mascherine di cui abbiamo tanto bisogno”.

“Grazie alla famiglia Nicodemo e alla Filoflex – dice il sindaco Simone Dal Pozzo nella nota inviata ai donatori - per la generosa disponibilità dimostrata in questa fase d’emergenza. Siamo tutti convinti che sono questi i momenti nei quali bisogna dimostrare di essere una comunità e questo gesto, unito ai tanti atti di disponibilità di questi giorni, fanno sperare bene. Auguro a voi e alla città intera di superare queste difficili settimane per tornare ad essere ancora più forti di prima!”

Le mascherine saranno destinate prioritariamente a chi, in questa fase, sta lavorando a servizio della cittadinanza: i collaboratori del Comune di Guardiagrele, polizia municipale, operai e servizio sociale.

Una parte, inoltre, sarà consenata ai medici di medicina generale e al personale sanitario dei loro ambulatori, agli operatori del volontariato della Croce Rossa e ai commercianti che stanno facendo consegne a domicilio che ne sono sprovvisti.

"Non ci è possibile, data la popolazione, effettuare una consegna a tappeto ad ogni cittadino - spiega il sindaco - ma stiamo attivando un numero di pronto intervento sociale e cercando di redigere, con non poca fatica, una anagrafe delle persone fragili alle quali destinare questa e le altre forniture per le quali abbiamo da tempo effettuato l’ordine".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento