Domenica, 1 Agosto 2021
Attualità

Abruzzo regione del benessere: vince il logo di Pietro Senatore

Il logo è stato scelto al termine di una selezione tra 70 proposte grafiche arrivate da 14 regioni italiane, a seguito del bando pubblico lanciato dall’Arta

È il logo ideato da Pietro Senatore, 27enne grafico di Cava de’ Tirreni (Salerno), a vincere del concorso di idee per la realizzazione del brand  “Abruzzo regione del benessere”: un progetto multidisciplinare al centro della politica regionale volto a valorizzare, tutelare e promuovere il benessere dei cittadini abruzzesi sotto il profilo culturale, ambientale, alimentare e salutare.

In una immagine la natura, i colori, la cultura e la tradizione di una regione che ambisce ad offrire, a chi vi risiede e a chi la visita, benessere e alta qualità della vita.

Il logo è stato scelto al termine di una selezione tra 70 proposte grafiche, arrivate da ben 14 regioni italiane, a seguito del bando pubblico lanciato dall’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta), soggetto attuatore del progetto, con partnership dell’Università di Teramo, da parte di una giuria composta da professori dell’Accademia delle belle Arti dell’Aquila, specializzati nel design.

Il logo vincitore è stato presentato nella sede dell’Arta dal direttore generale Maurizio Dionisio, dal vicepresidente della Regione Abruzzo con delega all’Agricoltura Emanuele Imprudente, con l’assessore regionale alla Formazione Pietro Quaresimale, l’assessore regionale all’Ambiente Nicola Campitelli e il capogruppo della Lega in consiglio regionale Vincenzo D’Incecco.

A Senatore è stato consegnato l’assegno di 5mila euro, messo in palio dal concorso di idee: "L’immagine che ho proposto è frutto di un approfondito studio semiotico delle caratteristiche salienti di una regione meravigliosa. Ora che ho avuto modo di visitarla posso confermare la bellezza e serenità che essa esprime”, ha detto il giovane vincitore.

Il logo prescelto si ispira a differenti simboli come il cuore, che rappresenta il benessere e l’amore per il territorio, presente in simboli della tradizione abruzzese a cominciare dalla presentosa e il “cuore d’Abruzzo”, la foglia, che richiama la natura, e rimanda ad un fiore molto presente sugli appennini abruzzesi, l’Alisso rupestre. La griglia compositiva evoca poi quella tipica dei rosoni, in particolare quello della Basilica di Santa Maria Assunta di Collemaggio a L’Aquila. Logo infine che si presta a differenti letture simboliche, come quella del sole, del fiore e degli agrumi della costa dei trabocchi.

Il progetto Abruzzo regione del Benessere si sta sviluppando attraverso una pluralità di strategie volte al miglioramento della qualità della vita della comunità e dei cittadini; tra le azioni previste: la creazione di una bio-bank, una banca dati per studiare le caratteristiche metaboliche e genomiche dei centenari abruzzesi per finalità di ricerca e la creazione di una filiera turistica regionale basata sul turismo esperienziale finalizzate alla valorizzazione delle tipicità naturalistiche e storico-culturali regionali e alla riqualificazione del territorio a rischio marginalizzazione economica e demografica.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abruzzo regione del benessere: vince il logo di Pietro Senatore

ChietiToday è in caricamento