Salute

Influenza, in Abruzzo oltre 12 casi per mille assistiti

Mentre gli occhi del mondo sono puntati sul nuovo coronavirus cinese, in Italia l'influenza stagionale continua la sua marcia. Casi ancora in aumento soprattutto nel centro sud Italia

L'influenza stagionale continua la sua marcia in Italia: 638 mila i nuovi casi registrati dal 20 al 26 gennaio, per un totale di 3 milioni e 451 mila infettati dall'inizio della sorveglianza.

A dirlo sono i medici sentinella della rete Influnet dell'Istituto superiore di sanità (Iss). "Nella quarta settimana del 2020 - si legge nell'ultimo bollettino - la curva epidemica delle sindromi simil-influenzali continua a salire", con un andamento "simile a quello della scorsa stagione influenzale". Nel periodo in esame è stata "superata la soglia di intensità media". L'incidenza totale è pari a 10,6 casi per mille assistiti, dato che triplica a 30,8 casi/mille fra i bambini al di sotto dei 5 anni. "L'incidenza aumenta in quasi tutte le regioni italiane", si legge nel report, ma risulta "maggiormente colpito il Centro Italia".

In Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo, oltre che in Valle d'Aosta, l'incidenza a superato i 12 casi per mille assistiti.

 Interessati maggiormente i bambini al di sotto dei cinque anni, in cui si osserva un'incidenza pari a 51,13 casi per mille assistiti. L'incidenza scende a 36,06 casi per mille assistiti nella fascia di età 5-14 anni, a 16,61 nella fascia 15-64 anni e a 10,03 per gli over 65.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Influenza, in Abruzzo oltre 12 casi per mille assistiti

ChietiToday è in caricamento