menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Studenti in bici: parte oggi il sevizio BikeUd’A al Campus della d’Annunzio

Trenta bici disponibili nel Campus di Chieti. Il servizio dà la possibilità di utilizzare una delle bici acquistate dall’Ateneo e affidate alla gestione dello Student Help Station

Parte da oggi, 1 dicembre, il servizio di bike-sharing presso i Campus dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti e Pescara. L’iniziativa, voluta ed annunciata dal Rettore Sergio Caputi, è oggi al suo primo giorno di attività grazie alla messa a punto, oltre che delle strutture tecniche per la consegna e il ritiro delle bici, del regolamento che ne disciplina l’utilizzo da parte degli studenti.

Il servizio, operativo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle ore 19,00 fatti salvi i giorni di chiusura delle strutture universitarie, prevede, infatti, la possibilità di utilizzare una delle bici acquistate dall’Ateneo e affidate alla gestione dei due Student Help Station già attivi agli ingressi dei Campus di Chieti e di Pescara. Per ognuno dei due punti ci sono trenta bici disponibili. 

Bike sharing: il regolamento

"Il servizio è finalizzato a favorire spostamenti urbani e sostenibili degli studenti, su percorsi all’interno dei Comuni di Chieti e Pescara, nell’ottica di privilegiare l’utilizzo di veicoli non inquinanti e scoraggiando l’uso del mezzo privato”. In particolare il regolamento, sottolinea che “gli studenti fruitori del servizio, nel ruolo di biker Ud’A, si impegnano a comportarsi secondo regole di correttezza e moralità, attenendosi a principi di decoro, buon costume e rispetto delle norme sociali.

L’Ud’A considera la responsabilità dei comportamenti e delle azioni nell’utilizzo delle biciclette fondamentali per il decoro e l’onore dell’Università medesima.Il mancato rispetto di questi valori, attraverso comportamenti inadeguati volontari o causati da semplice superficialità, costituisce un danno non solo per l'individuo e per le persone direttamente coinvolte, ma anche per l'Università nel suo complesso e per la comunità ad essa collegata. Per motivi di ospitalità e cortesia si raccomanda “agli studenti italiani di garantire la priorità del servizio agli studenti Erasmus”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in Abruzzo 502 nuovi positivi e 10 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento