Multe fino a 250 euro per chi 'passeggia' in bicicletta sul corso di Ortona

L'ordinanza del sindaco Castiglione, dettata dalla "necessità di mettere ordine a una circolazione diventata indisciplinata", consente le bici soltanto se portate a mano

Niente biciclette lungo il corso a Ortona, a meno che non siano portate a mano: lo stabilisce un'ordinanza del sindaco Leo Castiglione che fa riferimento a quanto previsto dall’articolo 182 comma 2 del codice della strada che dispone la conduzione a mano delle biciclette quando, per le condizioni della circolazione, siano di intralcio o di pericolo  per i pedoni. Il provvedimento non riguarda le biciclette condotte dai bambini fino a otto anni.

In caso di trasgressione per i ciclisti è prevista una sanzione pecuniaria da 25 a 250 euro.

"Con questa ordinanza – commenta il sindaco di Ortona – mettiamo ordine ad una circolazione sul corso principale che era diventato indisciplinato. Infatti il passaggio a velocità sostenuta di biciclette condotte soprattutto da ragazzi, più di una volta, hanno creato situazioni di grave pericolo. Considerando che il corso principale è innanzitutto un’area pedonale, un luogo d’incontro e passeggio per famiglie accompagnate da bambini, una strada dello shopping cittadino con la presenza di negozi e attività commerciali, si è quindi deciso di adottare questa ordinanza per razionalizzare la circolazione e rispondere alle numerose richieste dei cittadini che chiedevano soluzioni adeguate per la sicurezza soprattutto negli orari di passeggio".

Biciclette vietate sul corso di Lanciano: scoppia la polemica

Oltre alla circolazione delle biciclette, l'ordinanza del comune di Ortona disciplina anche il carico e scarico delle merci sulla zona a traffico limitato del corso Vittorio Emanuele II e piazza della Repubblica, consentito nelle fasce orarie dalle 6 alle 9,30 e dalle 12,30 alle 13,30 di tutti i giorni feriali, ad esclusione del giovedì in occasione del mercato settimanale. Fuori dagli orari in cui è permesso l’accesso, i vettori che dovranno consegnare le merci potranno utilizzare appositi carrelli facendo uso delle aree di sosta riservate per le operazioni di carico e scarico delle merci posizionate a Porta Caldari, via Rapino, via della Libertà, corso Garibaldi, Largo Farnese, corso Matteotti e via Cavour.

L’ordinanza è in via sperimentale e resterà in vigore fino al 30 giugno 2020.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Se ne è andata la professoressa Lea Curti Pancella

  • Coronavirus: 116 nuovi casi in Abruzzo, 40 in provincia di Chieti

  • Coronavirus: dimesso dall'ospedale un paziente trattato con il farmaco sperimentale Tocilizumab

  • Rallentano i decessi: cinque anziani morti nelle ultime ore, uno è di Ortona

  • Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

Torna su
ChietiToday è in caricamento