I sindacati: "Il silenzio del Comune di Lanciano verso tutte le Rsu diventa pesantissimo"

La rappresentanza sindacale unitaria del Comune di Lanciano torna a chiedere di convocare il tavolo delle trattative

Le Rsu del Comune di Lanciano chiedono all’amministrazione di rompere il silenzio e di convocare subito un confronto, anche alla luce di un comportamento offensivo di un dirigente nei confronti di una rappresentante sindacale, per cui è stata fatta segnalazione formale.

Rsu Usb, Rsu Cisl Fp, Rsu Csa e Uil Fp esortano l'amministrazione a “rispondere alle richieste fatte dai dipendenti, tramite le Rsu elette dagli stessi, tutelare i lavoratori e affrontare le questioni che, ogni giorno, vengono portate all'attenzione degli organi di gestione, nell'interesse dei dipendenti ma anche di tutta la macchina amministrativa che, in un momento storico delicato come questo, continua comunque a funzionare a pieno regime, garantendo servizi essenziali e non ai cittadini” e ricordano l’importanza di  “segnalare qualunque tipo di episodio possa ledere la professionalità e la dignità personale di ognuno di noi”.

Per quanto riguarda  le assunzioni, le Rsu auspicano che siano privilegiate quelle per agenti di Polizia locale, “fondamentali per il controllo del territori in questo momento storico” affermano.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • Coronavirus: 560 nuovi contagi e 12 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

Torna su
ChietiToday è in caricamento