menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
l'assessore Davide Campli

l'assessore Davide Campli

Francavilla, online il bando di gara per la gestione del bar del Museo Michetti

Pubblicato l'avviso per la concessione in uso dei locali bar-ristoro all'interno del museo. Domande entro il 12 aprile

E' stato pubblicato l'avviso per la concessione in uso dei locali bar- ristoro che si trovano all'interno del Museo Michetti a Francavilla. Il rapporto di concessione comprende anche l'attività di somministrazione di alimenti e bevande. Nei locali sarà consentita l'attività di produzione artigianale di stuzzicheria, previa autorizzazione della Asl. I locali messi a disposizione sono quelli al piano terra del Museo, il canone annuo di concessione è stabilito in seimila euro. Il rapporto durerà tre anni dall'affidamento del servizio, 'amministrazione potrà rinnovare per altri tre anni la concessione sulla base della concreta gestione e valorizzazione del pubblico esercizio.

Il bando di gara completoè disponibile sul sito internet del Comune. La concessione verrà aggiudicata all'offerta economica più vantaggiosa, sulla base di criteri di valutazione tecnici ed economici.

Le domande dovranno pervenire in Comune entro il 12 aprile prossimo alle 12.30, e la gara avrà luogo alle 10 del 18 aprile.  "L'affidamento della gestione del bar del Mumi darà nuova linfa al Museo che finalmente, come i principali poli culturali, avrà un'area food dedicata ai visitatori e non solo - commenta l'assessore al Patrimonio, Davide Campli - Ci aspettiamo che la concessione venga affiancata ad iniziative in grado di portare sempre più in alto la struttura, magari che possano abbinare l'ambito enogastronomico, con particolare caratterizzazione dei prodotti tipici locali, a quello culturale che è la naturale vocazione del Museo Michetti. La decisione dell'amministrazione di concedere quei locali rientra in un ampio disegno di valorizzazione del patrimonio comunale  che ha previsto, tra le altre cose, l'acquisizione da parte del Comune dei beni dismessi dal demanio deliberata durante l'ultimo consiglio comunale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento