Arrivano 216mila euro per la ristrutturazione dell'area polisportiva multifunazionale della villa comunale

L'agenzia per la coesione territoriale ha dato parere favorevole all'uso dei fondi destinati al Comune di Chieti

Arrivano 216 mila euro per la ristrutturazione dell'area polisportiva multifunzionale di Villa Frigerj. L'agenzia per la coesione territoriale ha dato parere favorevole all'uso dei fondi destinati al Comune di Chieti. 

Ne dà notizia il consigliere regionale di Forza Italia Mauro Febbo. "Il finanziamento - commenta - è il risultato di un impegno assunto, perseguito e realizzato per la città di Chieti. Ridare vita a Villa Frigerj è stato un obiettivo preciso prima da assessore regionale e oggi quale componente della maggioranza in Regione, anche su sollecitazione dell'ex gruppo consiliare di Forza Italia al Comune di Chieti".

L'importo finanziato è di 216.000 euro, costo stimato dallo stesso Comune, in progetto preliminare, che sarà destinato a una ristrutturazione integrale con il rifacimento anche dei servizi accessori, come spogliatoi, impianto d'illuminazione e del palco, il proscenio e le due torri sceniche, oltre che chiaramente il fondo dell'esistente campo polifunzionale.

"Un intervento necessario – conclude Febbo - per la città che riporterà alla vita questa parte della villa, dopo essere praticamente dismessa e chiusa da circa un ventennio”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

  • Sempre più frequenti i lupi in città, il veterinario: "Nessun pericolo per l'uomo, attenti agli animali domestici"

  • L'Abruzzo resta in zona rossa: proroga di una settimana, ma Marsilio spinge per misure meno restrittive

Torna su
ChietiToday è in caricamento