menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alla d'Annunzio tre milioni di euro per assumere 17 nuovi ricercatori

I finanziamenti sono stati ottenuti tramite il bando Pon del Ministero. I contratti di 36 mesi interesseranno dieci ricercatori da reclutare all'università di Chieti e sette dall'estero

Diciassette nuovi posti di ricercatore all'università d'Annunzio grazie ai 3.185.000,00 euro di finanziamenti intercettati dall'Ateneo nell'ambito del bando AI: Attrazione e Mobilità - PON "Ricerca e Innovazione" 2014-2020 (Piano Operativo Nazionale Ricerca e Innovazione).

Nel concorso, riservato agli Atenei delle regioni italiane "in transizione e in ritardo di sviluppo", l'università di Chieti ha ottenuto valutazioni eccellenti collocandosi al primo posto in graduatoria con uno dei progetti, tra quelli con il punteggio più elevato (100 punti).

Grazie ai finanziamenti intercettati dieci dei ricercatori da reclutare e contrattualizzare potranno svolgere attività di ricerca, oltre che nella d'Annunzio, anche in Atenei di altri paesi esteri e sette ricercatori, provenienti dall'estero, verranno a lavorare alla d'Annunzio. I loro contratti, della durata di 36 mesi, avranno totale copertura finanziaria grazie appunto ai fondi del bando.

"L'eccellente risultato conseguito è frutto dell'impegno diretto di ben otto dei tredici Dipartimenti - fa sapere l'Ateneo - nonché della tempestiva esecuzione delle procedure previste da parte del settore Progetti Europei e Nazionali che ha coordinato la partecipazione della d'Annunzio al bando PON R&I".

I Dipartimenti che hanno ottenuto i finanziamenti sono: "Farmacia", "Scienze Mediche, Orali e Biotecnologiche", "Ingegneria e Geologia", "Medicina e Scienze dell'Invecchiamento", "Neuroscienze e Imaging", "Economia", "Scienze Psicologiche, della Salute e del Territorio", "Lettere, Arti e Scienze Sociali".

Altri dipartimenti potrebbero essere finanziati in caso di incremento dei fondi, in quanto gli stessi sono ricompresi nella tabella di valutazione finale pubblicata dal Miur. Di fatto i primi 17 posti di ricercatore sono collegati a progetti che hanno ottenuto una valutazione da 100 a 89 punti.

"Essere protagonisti nel campo della ricerca è un vanto dell'università d'Annunzio" - commenta il rettore Sergio Caputi -. La comunicazione del Miur, che ha ufficializzato questo finanziamento nell'ambito del PON "Ricerca e Innovazione" 2014/2020, ci ha riempiti di giusta soddisfazione. Essa è doppia innanzitutto perché gli oltre 3 milioni di euro ottenuti ci consentiranno di attivare contratti triennali per giovani e capaci ricercatori che potranno impegnarsi proficuamente sul fronte strategico dell'innovazione e poi anche perché praticamente tutta la "d'Annunzio" con i suoi Dipartimenti ha dimostrato capacità, qualità e attenzione verso la ricerca">. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento