menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio camerale alla festa del Patrono, Di Vincenzo: "Unico giorno disponibile"

Il prossimo 11 maggio i neo consiglieri si riuniscono per votare, tra le altre cose, la delibera di fusione tra le Camere di Commercio di Chieti e Pescara

Il primo consiglio della Camera di Commercio di Chieti si riunisce l’11 maggio , in concomitanza con la festa del Patrono. La riunione dei nuovi consiglieri camerali è fissata alle 16 di lunedì prossimo per votare, tra le altre cose, l’accorpamento della Camera di Commercio di Chieti con quella di Pescara.

Se sia stata una semplice svista o il neo presidente Roberto Di Vincenzo ignori la data in cui si festeggia San Giustino a Chieti non lo sapremo mai. Intanto, fatta notare la gaffe, Di Vincenzo ha fatto sapere, tramite un comunicato stampa, il proprio dispiacere per il fatto che la convocazione del consiglio coincidente con la festività del Santo Patrono possa aver colpito la sensibilità di qualcuno.

Ma il lavoro prima di tutto: “Questa data è stata consapevolmente scelta per poter avere la presenza di tutti i consiglieri – spiega - era difatti l'unico giorno disponibile per tutti, in alternativa avremmo dovuto fare la riunione a fine maggio, ritardando la formazione della giunta e danneggiando l'operatività della Camera di Commercio.

Vengo da una "cultura del lavoro" e per me gli obiettivi da raggiungere sono la cosa fondamentale, lo ribadisco con forza, ma occorre avere sempre nello sfondo la più ampia considerazione dei valori culturali e sociali dei territori e delle comunità locali”. E aggiunge: “Onorare l'impegno preso con la presidenza della Camera di Commercio, anche nella coincidenza delle festività patronali, è difatti il segno più evidente di una fedeltà e di una responsabilità personale alle istituzioni e credo che il consiglio camerale sia in totale sintonia con questo nuovo profilo dell'ente camerale”.

Lo scorso 29 aprile, durante un incontro sul turismo regionale, Di Vincenzo ha ribadito che la fusione tra le Camere di Commercio di Chieti e Pescara è un atto doveroso da un punto di visto socio economico, nonché stabilito da norme di legge. “Sarà una fusione tra progetti – ha assicurato il presidente - e Chieti città, come capoluogo, ne avrà uno suo, specifico, con il quale la Camera di Commercio, in forma aperta e dialogante con tutti, punterà a valorizzare l'identità propria della città di Chieti con una forte spinta all'innovazione sociale, culturale ed economica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento