Florovivaismo in ginocchio: al macero 36 milioni di piante, sono a rischio 800 posti di lavoro

La cancellazione di eventi e momenti conviviali ha messo in gravissima difficoltà il settore, in un periodo in cui molte aziende fanno il 75% del fatturato annuale: il bilancio di Coldiretti Abruzzo

800 tra florovivaisti e manutentori del verde rischiano il lavoro, a causa dello stop imposto dall'epidemia da Coronavirus. Secondo la stima di Coldiretti Abruzzo, basata su dati Assoflora 2020, nella nostra regione, durante il lockdown sono rimasti invenduti 36 milioni di piante e fiori, finiti distrutti, e sono state perse 90 mila giornate di lavoro.

Così, un settore strategico per l'economia regionale, oggi fa i conti con l'anno più difficile della sua storia recente. La cancellazione di eventi e momenti conviviali in cui fiori e piante sono protagonisti ha causato un fortissimo calo delle vendite. Così, si è creata una notevole difficoltà di programmazione futura e una complicata gestione della produzione rimasta invenduta e, pertanto, destinata al macero per far posto al nuovo ciclo vegetativo.

“Lo scenario attuale è fortemente drammatico. Sono a rischio tantissime imprese che ora si trovano in gravissime difficoltà con l’assenza di cerimonie come battesimi, matrimoni, lauree e funerali e pesano le difficoltà di esportazione, settore in cui l’Abruzzo ha svolto fino ad ora un ruolo importante", dice Silvano Di Primio, presidente di Coldiretti Abruzzo e titolare di una delle più grandi aziende florovivaistiche d’Europa.

"Allo stato attuale - aggiunge - sono crollati gli acquisti di fiori recisi, di fronde e fiori in vaso, nonché le produzioni tipiche della primavera. Si sono fermate anche le vendite e l’export di alberature e cespugli, in un periodo in cui per molte aziende si realizza oltre il 75% del fatturato annuale, grazie ai tanti appassionati dal pollice verde che con l’aprirsi della stagione riempiono di piante e fiori case, balconi e giardini. In Abruzzo, il settore è stato colpito al 100%, sono stati cancellati gli ordini, la programmazione è attualmente ferma ma la produzione in vivaio deve comunque continuare ovviamente con grandissima difficoltà e con parte della produzione già distrutta”.

Lo scenario attuale è drammatico e Coldiretti ha evidenziato l’emergenza in tutte le sedi istituzionali. “Nonostante tutto i florovivaisti, come tutti gli altri agricoltori colpiti dall’emergenza, si sono rimboccati le maniche per prepararsi alla ripartenza, ma bisogna favorire la ripresa – dice Di Primio - Il rinvio di alcuni adempimenti è importante, perché si concede alle aziende della liquidità che permetta di far fronte alle spese inderogabili, a cominciare dai salari e dagli stipendi, ma è piccola cosa rispetto alla catastrofe che stiamo vivendo in questo momento".

"Sono importanti ulteriori misure di sostegno - aggiunge - ma soprattutto una nuova visione da parte delle banche, che in questo momento hanno un ruolo decisivo agevolando le aziende con anticipi e prestiti mirati. La parola d’ordine è: dare fiducia subito. Le aziende hanno bisogno di liquidità ora, non possono permettersi di aspettare  mesi. Ci sono attualmente garanzie messe a disposizione del governo e strumenti importanti come la cambiale agraria proposta da Ismea, ma vanno immediatamente attivati anche a livello locale. E per finire è necessario sburocratizzare, semplificare, snellire le procedure”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento