menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Promettevano acquisti agevolati all'asta: in manette finto poliziotto e agente immobiliare

Tre le vittime, a Chieti e Francavilla, a sporgere denuncia. I responsabili arrestati a Roma dai carabinieri

Due persone, responsabili di reiterate truffe, sono state tratte in arresto questa mattina dai carabinieri del NOR di Chieti, con la collaborazione dei colleghi di Roma e Civitavecchia, in esecuzione di provvedimenti restrittivi emessi dalla locale Autorità Giudiziaria. Si tratta di W. A. ed A.F., entrambi residenti a Roma.

Le accuse sono di millantato credito, truffa e falsità materiale. Le denunce risalgono alla scorsa estate quando tre persone, da Chieti e Francavilla, in tre distinti momenti si sono presentate presso la caserma dei carabinieri allo Scalo segnalando di essere state truffate da un tale che si era spacciato come capitano dei NOCS.

IL MODUS OPERANDI - Si faceva chiamare capitano ombra, tale Marco Bergamini, risultato poi essere W.R.,  già noto alle forze di polizia per altre truffe simili messe a segno nella zona di Civitavecchia. L’uomo, tramite raggiri via web, dopo aver conquistato la fiducia degli utenti mostrando falsi tesserini e documenti aveva lasciato intendere alle tre vittime di essere in grado di agevolare acquisti tramite aste fallimentari presso il Tribunale di Roma. In cambio di orologi di valore, iPhone e altri benefit  il sedicente capitano chiedeva una provvigione minima, solitamente di poche centinaia di euro, necessarie per effettuare le ‘regalie’ ai curatori fallimentari. Il suo complice, il finto agente immobiliare A.R. rassicurava le vittime sull’istruzione della paratica. Tutto è filato liscio finché una delle tre vittime, insospettita dal fare sfuggente del capitano, che si faceva continuamente negare al telefono, ha sporto denuncia informando anche le altre due vittime con le quali era in contatto.

Le indagini della Procura, dirette dal pm Ciani, tramite intercettazioni telefoniche e ulteriori prove a carico hanno fatto chiudere il cerchio fino all’arresto della coppia di truffatori, questa mattina alle 6.30: W.R. è stato trovato a casa di una donna a Roma, A. F. era a fare colazione in un bar del centro di Ladispoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento