Gli italiani sono ingrassati e dormono male: gli effetti della quarantena

Il 40% segnala di essere ingrassato: più spesso si tratta di donne e soggetti tra i 30 e i 50 anni

Ne sono passate di settimane dall’inizio della quarantena e sono diversi gli effetti che hanno stravolto la vita degli italiani. Più grassi, perché fanno poca attività fisica, e dormono male, per via di ansia, stress, pensieri che derivano tanto dal Coronavirus quanto da altre situazioni di lavoro e sociali.

L’indagine realizzata da Villa Miralago - centro per la cura dei disturbi del comportamento alimentare - e dalla School of Management del Politecnico di Milano evidenzia che il 40% è ingrassato e in tanti hanno dichiarato di soffrire di insonnia.

I risultati emersi dall'indagine, con riferimento a 1.000 questionari rappresentativi della popolazione italiana, sono suddivisi in tre aree (Lombardia; Veneto, Emilia Romagna e Piemonte; resto d'Italia) a seconda dell'impatto, rispettivamente alto-medio-basso, dell'epidemia sul territorio nazionale.

Riguardo alle abitudini alimentari, è emerso che un italiano su due in questo momento consuma cibi più freschi (carne, pesce, uova, latticini), unitamente a frutta e verdura, preferendo il consumo di acqua agli altri tipi di bevanda.

Da non sottovalutare che un italiano su quattro sta consumando bevande zuccherate (succhi di frutta e bibite gassate) e che in pochissimi si stanno informando su quale sia l'alimentazione più corretta per fronteggiare il Covid-19 e l'isolamento. Se poi un italiano su quattro riferisce una diminuzione del peso, il 40% segnala di essere ingrassato: più spesso si tratta di donne e soggetti tra i 30 e i 50 anni. "Vi è una correlazione chiara in tutta Italia tra preoccupazione economica e variazione di peso; inoltre, più della metà di coloro che hanno aumentato l'introito calorico lo hanno fatto per gola-noia-nervosismo", spiegano i ricercatori.

Più della metà degli intervistati, complice il lockdown, sta facendo meno attività fisica del solito e circa un italiano su tre ha visto peggiorare la qualità del suo sonno; poiché il sonno è un indicatore di equilibrio psicofisico, questo dato "è rappresentativo dell'impatto negativo che la situazione di emergenza sta avendo sulla salute mentale e fisica della popolazione".

I cittadini (rapporto quattro su dieci) che hanno confessato di soffrire di disturbi del sonno, cercano aiuto in diversi prodotti per la gestione dell'emotività tra cui sostanze naturali, fitofarmaci, ansiolitici e antidepressivi.

Chi ha a disposizione uno spazio esterno riferisce una maggiore tenuta psico-fisica.

Sono pochi, invece, i cittadini che stanno approfittando di questo momento di isolamento per migliorare il proprio stile di vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Interruzioni idriche a Chieti e provincia dal 20 al 27 ottobre: il calendario completo

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • Schianto mortale sulla Statale 16: perde la vita una ragazza di 17 anni

  • La resa dei conti nel centrodestra è arrivata: Febbo non è più assessore regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento