rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Salute

Prevenzione del tumore del colon retto: la Asl organizza screening gratuiti

La Asl Lanciano Vasto Chieti invita donne e uomini di età tra i 50 e i 69 anni residenti in provincia di Chieti a sottoporsi gratuiti allo screening per la ricerca del sangue occulto nelle feci per la prevenzione del tumore del colon retto

La Asl Lanciano Vasto Chieti invita donne e uomini di età tra i 50 e i 69 anni residenti in provincia di Chieti a sottoporsi gratuiti allo screening per la ricerca del sangue occulto nelle feci per la prevenzione del tumore del colon retto.

Il carcinoma del colon retto è il secondo tumore più frequente nelle donne e il terzo negli uomini.

Lo screening consiste in un test che può evidenziare la sospetta presenza di una lesione e la necessità di sottoporsi a successivi esami per individuare e asportare eventuali polipi.

Il test per lo screening è molto semplice e indolore. La provetta arriva a casa ed è accompagnata da una lettera con le istruzioni. Basta estrarre la provetta, raccogliere un piccolo campione delle proprie feci, inserirlo nella provetta, chiudere quest’ultima e riporla nuovamente nella bustina che andrà consegnata entro tre giorni (insieme al foglio per il consenso informato) al distretto sanitario di appartenenza o al laboratorio analisi degli ospedali di Chieti o Lanciano.

I cittadini che hanno i requisiti per partecipare allo screening possono ritirare la provetta anche nella casa della salute mobile in una delle sue tappe nei comuni della provincia di Chieti.

Qualora l’esame non dovesse evidenziare la presenza di sangue occulto, l’interessato riceverà a casa il referto, altrimenti sarà contattato telefonicamente al numero indicato nel foglio del consenso informato con l’invito a sottoporsi a ulteriori accertamenti.

Per informazioni è possibile contattare il numero telefonico 0871.358430 dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 13 o visitare la sezione “Screening oncologici” del sito Internet www.asl2abruzzo.it.

Il carcinoma del colon retto deriva solitamente da polipi adenomatosi, ovvero tumori benigni dovuti al proliferare delle cellule della mucosa intestinale. Questi impiegano in media tra sette e quindici anni per trasformarsi in forme maligne. In tale periodo lo screening è in grado di individuare tempestivamente ed eliminare i polipi prima che diventino pericolosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prevenzione del tumore del colon retto: la Asl organizza screening gratuiti

ChietiToday è in caricamento